“Il Gioverno dia gli aiuti promessi al settore bieticolo”: la richiesta dei Senatori bolognesi del Pd

zucchero 2 I parlamentari bolognesi del Pd chiedono al governo che siano confermati gli aiuti al comparto bieticolo-saccarifero, fondamentali per l’agricoltura locale, in particolare del bolognese e del parmense, dove si trovano gl unici due stabilimenti rimasti in funzione in Emilia-Romagna dopo la ristrutturazione seguita alla riforma varata dall’Unione europea. I senatori bolognesi del Pd Rita Ghedini, Paolo Nerozzi, Gian Carlo Sangalli e Walter Vitali hanno presentato al ministro delle Politiche Agricole, Luca Zaia, una interrogazione per sapere ”quali iniziative intenda assumere il Governo per garantire il rispetto dell’impegno a finanziare anche per gli anni 2009 e 2010 gli aiuti al comparto bieticolo-saccarifero, in fase di ristrutturazione dopo la riforma dell’OCM zucchero varata dall’Unione europea nel 2006”. La stessa interrogazione verra’ presentata anche alla Camera dai deputati bolognesi del Pd. Il mancato finanziamento degli impegni pluriennali per il 2009 e il 2010 – denunciano i senatori – ”produrrebbe un danno gravissimo alla filiera bieticolo-saccarifera in tutto il Paese, e particolarmente nelle province di Bologna e Parma”. In seguito alla riforma dell’Organizzazione comune dei mercati (OCM) nel settore dello zucchero varata dall’Unione europea nel 2006, ”particolarmente punitiva per il comparto bieticolo-saccarifero italiano, molte aziende agricole hanno visto peggiorare le proprie condizioni economiche e diversi impianti di trasformazione hanno dovuto chiudere”. La Regione Emilia-Romagna, con le Province e i Comuni interessati, ha svolto un’attivita’ impegnativa per la riconversione degli impianti e gli unici rimasti in funzione in regione, fra i quattro ancora operanti a livello nazionale, sono quelli di Minerbio (Bologna) del gruppo CO.PRO.B.-Italia Zuccheri e quello di S.Quirico (Parma) del gruppo Sadam-Eridania. Il Governo, in concomitanza con l’entrata in vigore della riforma, ha ottenuto dall’Unione Europea che venissero erogati aiuti nazionali a favore dei produttori e delle aziende di trasformazione per il quinquennio 2006-2010, come sostegno al settore nella fase della dismissione e riconversione. L’impegno ad un sostegno del settore, pero’ – fanno notare i senatori – ”e’ stato rispettato per le prime tre annualita’, e non ha avuto seguito a partire dal 2009”. Precisano, inoltre, che in sede di discussione del disegno di legge finanziaria per il 2009, l’Esecutivo ha accolto un ordine del giorno volto a garantire lo stanziamento necessario, quantificato in 43 milioni di euro per il settore a livello nazionale, da destinare alle imprese di produzione e a quelle di trasformazione. Volonta’ che e’ stata poi ribadita nel corso del Comitato interministeriale. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.