1 agosto fermo pesca nell’Adriatico, grigliate a rischio

C’é il rischio che sulle tavole italiane manchi il pesce fresco da lunedì primo agosto al 30 settembre, in seguito all’avvio del fermo pesca in Adriatico. A darne notizia è Coldiretti ImpresaPesca, alla vigilia del provvedimento di blocco temporaneo previsto dalla manovra per supportare le marinerie tricolori e permettere il riequilibrio delle specie ittiche sovrasfruttate, visto che nei primi 6 mesi del 2011 il pescato made in Italy è crollato del 50% a fronte di importazioni aumentate del 16% in valore. Il blocco delle attività andrà da Trieste a Bari, mentre il 30 settembre scatterà nello Ionio e nel Tirreno, da Brindisi a Imperia, per concludersi il 29 ottobre. Bene il fermo per salvare il settore, spiega l’associazione, ma con il venir meno del pesce dell’Adriatico, la metà della produzione nazionale. Sale così il rischio di ritrovarsi nel piatto, soprattutto al ristorante, prodotto straniero congelato, assieme al fresco made in Italy proveniente dal Tirreno e dallo Ionio. Dal pangasio del Mekong venduto come cernia, al polpo del Vietnam spacciato per nostrano ai gamberetti del Mozambico, ma anche l’halibut atlantico al posto delle sogliole. Da qui la richiesta di Coldiretti ImpresaPesca di estendere l’obbligo dell’etichetta d’origine, già vigente per il prodotto di pescheria o acquistato direttamente dagli imprenditori, anche ai menu della ristorazione; una vera e propria ‘carta del pesce’, con l’indicazione di dove è stato pescato quando si porta in tavola. Il tutto con l’obiettivo di promuovere una ripresa dei consumi, che nel 2010 sono calati del 5,7% per il pesce fresco e del 4,1% per il congelato. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.