11 imprese bolognesi ultracentenarie entrano nel registro storico nazionale

image002Undici imprese bolognesi entrano a far parte del Registro Nazionale delle Imprese Storiche. Istituito da Unioncamere in occasione del 150^ anniversario dell’Unità d’Italia, rappresenta una mappatura a livello nazionale delle imprese ultracentenarie: uno strumento di conoscenza e promozione delle realtà imprenditoriali che, nel tempo, hanno saputo coniugare innovazione e tradizione, apertura al mondo e appartenenza alla comunità economica.
“Sono imprese che hanno fatto la storia di Bologna e sono state capaci di cambiare nel tempo, attraversando diverse epoche storiche, da Napoleone all’unita’ d’Italia, passando per due guerre mondiali”, ha commentato Bruno Filetti il presidente della Camera di commercio “sono espressione di tenacia e sono un esempio da seguire di fronte alle avversità di questi periodi. Per la Camera di commercio sono fonte di autorevolezza e orgoglio”. E di queste, ben 3 sono legate al settore agricolo ed agro-alimentare . Le undici imprese premiate stamattina a palazzo della Mercanzia da Bruno Filetti, presidente della Camera di commercio, possono dunque vantare oltre cento anni di attività ininterrotta.

Del 1868 il noto Panificio Paolo Atti & figli. Fondato da Paolo Atti in via Drapperie 6, all’inizio era specializzato in produzione e vendita di primi piatti e tortellini. All’inizio ‘900 viene aperto il punto vendita di Via Caprarie e lì inizia la storia del rapporto fra la famiglia Atti ed il pane. In pochi anni Paolo Atti diviene titolare di 13 negozi in città, uno a Montecatini e uno a Firenze. Negli anni ’20 l’attività viene ridotta nei due negozi del quadrilatero. Nel 1950 inizia la produzione di pasticceria. Nel 1957 le redini vengono assunte da Romano Bonaga che le terrà fino al 2009, l’anno della sua scomparsa, ricoprendo in parallelo per 40 anni il ruolo di presidente dell’Associazione Panificatori. I locali di via Drapperie e via Caprerie sono stati riconosciuti dalla Associazione Locali Storici d’Italia. Attualmente conducono l’azienda Anna Maria Silvi assieme a Rita, Chiara, Paolo e Francesco Bonaga.

Del 1884 lo storico forno Bassi di Porretta Terme. Fondato da Anselmo Bassi che ottenne la conduzione del forno comunale nel centro storico del paese, già a quei tempi rinomata stazione termale. Nel ‘900 il figlio Ugo impara l’arte della pasticceria a Firenze e amplia l’attività arrivando a vincere nel 1910 al Salone Internazionale di Parigi la medaglia d’oro e la croce d’onore per la produzione di pane e dolci. Nel 1930 al forno pasticceria viene affiancato anche il bar. La famiglia continua con la tradizione e oggi la gestione è di Anselmo Bassi in piazza Vittorio Veneto.

La storia della Società Produttori Sementi inizia nel 1911 quando l’agronomo bolognese Francesco Todaro fonda la Società Anonima Cooperativa Bolognese per la produzione di sementi, allo scopo di provvedere al miglioramento di razza delle piante erbacee più coltivate della provincia. Il professor Todaro ebbe l’intuizione di unire ricerca scientifica e trasferimento dell’innovazione grazie alla collaborazione con diverse istituzioni locali. Seppe conquistare i mercati regionali dell’Italia centro-settentrionale grazie al lancio delle prime varietà di successo di grano tenero ed in seguito selezionò nuove sementi di risone, granoturco, erba medica e grano duro, concentrandosi sulla conservazione della biodiversità. Negli anni ’60, puntando sempre sull’innovazione, furono selezionate le varietà di grano tenero Argelato e Irnerio. Nel dopoguerra la Cassa di Risparmio di Bologna ne divenne l’unico azionista e negli ultimi anni è diventata una società strumentale no profit della Fondazione Carisbo. E’ oggi leader nazionale nel miglioramento genetico in cerealicoltura. Gianluigi Baccolini è presidente e amministratore delegato della società.

Quanto agli altri settori, l’impresa piu’ antica è l’Oreficeria Coltelli del 1834, mentre inizia nel 1884 l’attività della Società Anonima per la Costruzione ed il Risanamento di Case per gli Operai in Bologna, mentre l’attività dell’impresa Menzani inizia a Casalecchio di Reno nel 1893 come bottega di “Maniscalcia e Ferramenta” . Nel 1899 inizia ufficialmente la storia dei Magazzini Marzocchi, attività che affonda le sue radici al ‘1700. Nel 1902 il parroco don Pietro Fagioli, avvia la storia della Banca di Credito Cooperativo di Monterenzio, e nel 1904 comincia l’avventura della ditta Palmirani, dai girelli per bambini alle carrozzine ortopediche. Dal 1911 la Cooperativa per la costruzione di case popolari ed economiche Belcantone,
Le undici imprese bolognesi inserite ora nel Registro Nazionale delle Imprese Storiche si vanno ad aggiungere alle trenta inserite dal 2011 anno di istituzione del Registro, consultabile on line su www.unioncamere.gov.it.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.