15 piccoli di capriolo affidati a centro modenese. L’appello: “non toccateli”


Quindici piccoli di capriolo sono stati affidati nelle ultime due settimane al Centro fauna selvatica “Il Pettirosso” di Modena da cittadini che li avevano portati a casa credendoli abbandonati dopo averli avvistati soli in un prato, soprattutto in zone di montagna. Ma, come spiegano i tecnici del servizio Faunistico della Provincia, ”e’ proprio cio’ che non si deve fare quando si avvista un piccolo di capriolo. I ‘bambi’ rimasti soli, infatti, non corrono alcun rischio”. Questo, infatti, e’ il periodo della riproduzione dei caprioli e dopo il parto la madre abbandona anche per ore il piccolo, sorvegliandolo a distanza e mantenendo il contatto tramite segnali acustici, per poi avvicinarlo solo nel momento dell’allattamento. Non si tratta, quindi, di cuccioli abbandonati ed e’ sbagliato toccarli nell’intento di soccorrerli e portarli a casa, anche perche’ la detenzione di questi animali e’ vietata. Nessuno tocchi ‘bambi’, dunque. Quando ci si imbatte in un piccolo daino o capriolo acquattato in un prato, occorre allontanarsi subito perche’ il contatto con l’uomo produce inevitabilmente un’alterazione dell’odore dei cuccioli, con l’ effetto di rendere la madre molto circospetta fino al punto di abbandonarli. ”In questo periodo – spiega Piero Milani, responsabile del Centro fauna – riceviamo diverse chiamate di cittadini che hanno creduto, in buona fede, di aver soccorso un piccolo di capriolo in difficolta’. Invece prelevandolo si arreca un grave danno all’animale”. Ora i piccoli saranno allattati dai volontari con tecniche in grado di mantenere la capacita’ di procurasi il cibo da soli (in cattivita’ i ‘bambi’ si abituano facilmente ad uno stato di totale assistenza) in vista di una futura liberazione. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.