20 miliardi di litri d’acqua al mare: spendendo meno, irrigando meglio

Irrigazione, Foto Gabriele Arlotti 1Irrigare fa bene all’ambiente, sostiene l’agricoltura e, grazie alla innovativa tecnica Irriframe/Irrinet adottata dal Consorzio di Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po, può ora potenzialmente ridestinare al mare 20 miliardi di litri d’acqua.
“Il tutto grazie al risparmio idrico generato da un nuovo e innovativo sistema di cui si è dotato il nostro consorzio, Irriframe/Irrinet, pensato con l’obiettivo di sostenere l’utilizzo razionale dell’acqua e voluto dall’Anbi come supporto per ottimizzare le procedure di irrigazione – spiega Ada Giorgi, Presidente del Consorzio di Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po – Un sistema implementato dal Cer e che ha già trovato le prime felici applicazioni in Emilia e in altre aree italiane”.
“Ogni agricoltore del Consorzio riceverà una serie di consigli, tramite un servizio e-mail o sms, sui tempi e i modi per irrigare; i consigli sono pensati tenendo in considerazione le caratteristiche pedologiche del terreno, dell’andamento metereologico del tipo e dello stato della cultura che richiede acqua – continua la Giorgi – l’obiettivo è quello di agevolare la produzione di prodotti di qualità, ottimizzando lo sfruttamento delle risorse idriche”.
Il servizio è interamente gratuito. L’agricoltore dovrà semplicemente registrare su Irrinet la proprio azienda, segnalando i dati catastali e l’identificazione delle colture per ogni appezzamento. A seguire, riceverà i consigli sull’irrigazione direttamente sul telefonino o tramite e-mail. Il Consorzio potrà così risparmiare sino al 25-30% dell’acqua utilizzata, con un sensibile risparmio di costi; un dato fondamentale se si considera che nell’area di riferimento piovono mediamente solo 700 millimetri di pioggia all’anno, di cui meno di 100 in estate – quando le colture producono – concentrati per lo più in eventi di forte intensità e quindi non utili all’irrigazione.
“Un vantaggio sicuro per le tremila aziende del Consorzio che coltivano in campo medico (per il bestiame del Parmigiano-Reggiano), ma anche grano, orzo, mais, bietola, soia, frutta e colture protette come meloni, angurie e vite – entra nel dettaglio Laerte Manfredini, Direttore del Consorzio di Bonifica Terre dei Gonzaga in Destra Po – Trattandosi di un sistema riconosciuto dall’Unione Europea, è anche una risposta al problema del risparmio idrico previsto dal Piano di sviluppo rurale in alcune aree rurali, come l’Emilia, con importanti benefici economici”.
Ogni anno dai 45 ai 50 milioni di metri cubi di acqua vengono utilizzati nell’ex Agromantovano Reggiano, dai 10 ai 15 milioni nell’Ex Revere. Più alto sarà il numero delle aziende che aderiranno, maggiore sarà il risparmio idrico ottenuto, derivando così meno acqua da Po in una rete, la nostra, che conta 1000 chilometri di canali e che è stata messa a dura prova dagli anni siccitosi come il 2003, 2007, 2012 oltre che dal sisma.
Il Consorzio ha contestualmente dato il via a degli incontri di presentazione del servizio sul territorio nei 21 comuni del comprensorio. Il primo è già avvenuto dieci giorni fa a Pegognaga, alla presenza di aziende e associazioni di categoria. A breve saranno definite le date nel bacino ex Revere e, probabilmente, anche nella Bassa Reggiana.

Irriframe è un progetto su scala nazionale voluto da Anbi (Associazione Nazionale delle Bonifiche delle Irrigazioni e dei Miglioramenti Fondiari), che affida il coordinamento tecnico-agronomico al Cer (Consorzio per il Canale Emiliano Romagnolo), con realizzazione informatica della piattaforma di AltaVia srl. Di recente la notizia che la Fao e l’Iraq hanno chiesto ufficialmente all’Anbi di poter esportare l’esperienza del sistema intelligente Irriframe. Segnali di interesse arrivano pure dalla Cina, dove gia’ operano un migliaio di realta’ costruite anche sul modello consorziale italiano.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.