2012, vendemmia col timbro

Veneto Agricoltura ha presentato l’andamento 2012 nel NordEst e nel resto d’Italia. Le alte temperature e la siccità hanno inciso sulla quantità (punte di -50% sui Colli Euganei e in Friuli-Venezia Giulia). La qualità fa ben sperare, ma meno acidità e grado zuccherino. Da rivedere i sistemi colturali. Tutti i dati on line.E’ ora di finirla di parlare di buona o cattiva vendemmia come avviene regolarmente ogni anno in questo periodo. Parola di esperti. E’ invece più corretto fare riferimento al “timbro” che ogni annata lascia sulle uve e dunque sul vino che si produrrà.
La vendemmia 2012, visto l’andamento climatico di un’estate che ha portato alte temperature e pochissime piogge (mancano all’appello 255 mm di acqua da ottobre 2011 ad agosto 2012, rispetto all’annata precedente, mai così in basso dal 1993), lascerà senz’altro un suo “timbro” del tutto particolare.In sostanza, le uve bianche già raccolte, che hanno sofferto pesantemente lo stress idrico e termico estivo, lasceranno sui vini una timbratura carica di aromi che ricordano la frutta tropicale matura. Le uve nere invece, ancora da vendemmiare e avvantaggiate dalle piogge di questi ultimi giorni, godranno un timbro orientato alla morbidezza con più tannici che alcolici. Complessivamente si registra quest’anno una minore gradazione zuccherina e una diminuzione di acidità.
Al tradizionale convegno – unico in Italia – sulle previsioni vendemmiali
nel NordEst e nel resto d’Italia, svoltosi oggi a Legnaro (Pd) e promosso
come sempre da Veneto Agricoltura, Regione Veneto e Ente CRA-Vit di
Conegliano, emerge quindi questo nuovo modo di “leggere” la vendemmia.
“Il vigneto veneto rappresenta una vera e propria miniera d’oro a cielo
aperto, ha detto in apertura Paolo Pizzolato, Amministratore Unico di Veneto
Agricoltura; un tesoro di ben 75.400 ettari che nel 2011 ha prodotto 1,13
milioni di tonnellate di uva pari a 8,68 milioni di ettolitri di vino di
qualità, di cui il 41,8% a Denominazione di origine e il 41,1% a Indicazione
geografica. L’export, sempre nel 2011, è stato di 1,33 miliardi di euro,
posizionando la nostra Regione al primo posto in Italia con circa il 30% del
valore complessivo delle esportazioni. Parlare di vino, di marketing del
vino, di vendemmia, di OCM Vitivinicolo, di problematiche legate al comparto
è dunque una faccenda seria e importante. Veneto Agricoltura lo sta facendo
da molti anni promuovendo, tra l’altro, questi incontri unici nel loro
genere agli operatori del settore”.
“E comunque, più che il deficit idrico – ha sottolineato Diego Tommasi del
CRA-vit di Conegliano – nella vendemmia 2012 ha inciso il deficit termico
(le giuste temperature per le diverse fasi di maturazione dell’uva), e lo si
vede dalle conseguenze evidenti anche sui vigneti irrigati, al punto da
mettere in discussioni le tecniche colturali per le prossime stagioni”.
Ma se la qualità delle uve è dunque data dal “timbro” dell’annata, la
quantità stimata di prodotto raccolto continuerà ad essere legata ai numeri,
che quest’anno parlano chiaro. A causa di un’estate particolarmente
siccitosa, la vendemmia 2012 si annuncia, rispetto allo scorso anno,
generalmente in calo (-12 / 15% le uve bianche e -8 / 10% le uve rosse) e in
alcune aree addirittura in forte riduzione.
L’analisi dei dati illustrati dai tecnici oggi a Legnaro evidenzia che nei
vigneti non irrigati del Veneto, ma anche delle altre regioni del NordEst,
il calo produttivo si farà fortemente sentire come detto, con punte che
rischiano di raggiungere anche il -50%. Con dei distinguo a seconda delle
diverse aree di produzione. Vediamo.
Nel padovano la riduzione dovrebbe essere del 30% per le uve nere e del 40%
per quelle bianche; sui Colli Euganei, dove da fine maggio fino alla scorsa
settimana non ha praticamente quasi mai piovuto, il calo potrebbe
raggiungere anche il 50%. Nel rodigino i vigneti irrigati potrebbero
quest’anno rendere il 10% in meno rispetto allo scorso anno, ma quelli che
non hanno potuto beneficiare dell’irrigazione assistita rischiano di
arrivare al -30%. Nella Marca trevigiana, in particolare nell’areale del
Prosecco DOCG, dove da metà giugno a metà agosto sono state registrate
temperature medie di 31°, le varietà precoci (Pinot e Chardonnay) hanno
subito un calo cha varia dal 20 al 30%. Nel veneziano il calo produttivo è
invece stimato attorno al 20-25%, mentre nel vicentino del 10-15%. Nei
vigneti irrigati del veronese la riduzione non dovrebbe raggiungere il 10%
ma sarà anche del 15% in quelli che hanno subito un forte stress idrico e
termico.
Per quanto riguarda la glera (Prosecco) si dovrebbe avere una produzione in
Veneto nel 2012, rispetto al 2011, inferiore del 10% (-5% a Treviso); -16%
il pinot grigio, -10% chardonnay, -10% garganega, -5% corvina e corvinona,
invariata la raccolta di merlot.
Quasi ovunque nel Veneto le uve si presentano sane, con ottima gradazione
zuccherina, buona acidità e pigmentazione. Saranno determinanti le
condizioni meteorologiche dei prossimi giorni, ma le analisi degli addetti
ai lavori fanno ben sperare. Del resto, nel Veneto quando si parla di
settore vitivinicolo si fa riferimento a numeri importanti.
Anche in Friuli-Venezia Giulia e in Trentino-Alto Adige la vendemmia, sotto
il profilo quantitativo, è annunciata in calo. I viticoltori friulani
“piangono” un calo che potrà raggiungere punte del 50% nei vigneti non
irrigati e il 25-30% negli altri. Nelle province di Trento e Bolzano il calo
stimato dovrebbe essere del 10%.
Assolutamente interessante per tutti gli operatori vitivinicoli presenti
all’incontro promosso da Veneto Agricoltura, sono risultati i collegamenti
in videoconferenza effettuati con vari esperti del Piemonte, Toscana, Puglia
e Sicilia, vale a dire le principali regioni viticole italiane, nonché una
parentesi internazionale con gli esperti di Spagna (grande calo produttivo,
-20/25%) e Francia (annata discreta). Un modo per avere un quadro completo
della vendemmia 2012.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.