2014 stabile per prodotti a marchio distribuzione. +5,9% per linee premium e bio

Marca2Se nel 2014 nei prodotti di Largo Consumo Confezionato la quota della Marca del Distributore si è stabilizzata intorno al 18%, le linee ‘premium’ e ‘bio’ hanno visto una crescita significativa: prendendo in considerazione le vendite a valore questo segmento aumenta del 5,9%. Sono solo alcuni dei dati presentati nel convegno inaugurale di Marca, appuntamento annuale dedicato al settore della Marca del distributore alla Fiera di Bologna. ‘Marca Del Distributore: un anno in chiaroscuro’ è stato il tema dell’intervento di Guido Cristini, Professore di Marketing dell’Università di Parma che ha evidenziato le ragioni del rallentamento nell’evoluzione di mercato dei marchi dei distributori dovuti “principalmente all’aumento delle promozioni dei marchi industriali, che ha parzialmente ridotto il differenziale di prezzo con le Marche dei Distributori. Inoltre, laddove l’industria ha aumentato l’assortimento, l’offerta della Marca del Distributore, ormai presente in quasi tutte le categorie merceologiche, si è focalizzata invece sulla valorizzazione dei segmenti premium e bio, razionalizzando anche la propria area di primo prezzo”. Roberto della Casa, Professore di Marketing dei prodotti agroalimentari e Gestione delle imprese agroalimentari dell’Università di Bologna, ha invece presentato la ricerca ‘Creare più valore nella filiera agroalimentare? Si può!’ che ha sottolineato il rapporto tra filiera agroalimentare e distribuzione moderna. “La distribuzione moderna si dimostra per il sistema agroalimentare di qualità un canale di distribuzione fondamentale e ancora in crescita. In diversi casi, addirittura, risulta essere l’unico canale di valorizzazione dei prodotti”. La ricerca ha preso in esame dieci circoscrizioni economiche territoriali di natura distrettuale evidenziando come “per quanto riguarda la produzione, solo un corretto mix consente un governo efficiente ed efficace dei rapporti con la distribuzione moderna: il livello di concentrazione della produzione, il livello di saturazione della produzione potenziale e l’equilibrio tra i canali commerciali”. Dopo il saluto di benvenuto del vicepresidente di Fiera Bologna, Gian Piero Calzolari e del presidente Adm, Francesco Pugliese, è intervenuto con un videomessaggio il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina – assente per la convocazione in extremis del Consiglio dei Ministri: “Il 2015 – ha detto alla platea – è un anno potenzialmente di svolta. C’è il grande appuntamento con l’esposizione universale, ma può esserlo anche dal punto di vista economico e produttivo. Uno dei grandi temi è proprio quello di un rapporto nuovo tra distribuzione moderna e filiere. Su questo mi interessa andare avanti e ho convocato un tavolo al ministero per vedere le cose da fare e quelle che abbiamo fatto”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.