22-26 febbraio a Verona “Progetto Fuoco”

Veronafiere conferma la propria attenzione al comparto delle energie rinnovabili. Da mercoledì 22 al domenica 26 febbraio 2012, infatti, torna a Verona per l’8^ edizione Progetto Fuoco (www.progettofuoco.com), il più importante Salone mondiale a cadenza biennale dedicato agli impianti e alle attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione della legna. La manifestazione è stata presentata questa mattina, nella sede della Fiera di Verona, dal Presidente di Veronafiere Ettore Riello, dal Direttore Generale dell’Ente Giovanni Mantovani, insieme al Presidente di PMT Aldo Rebuli e al Presidente di Aiel, l’Associazione Italiana Energie Agroforestali Marino Berton.
«Quello dell’energia prodotta da fonti rinnovabili come le biomasse legnose – spiega il Presidente di Veronafiere Ettore Riello – è un settore in continua crescita su cui Veronafiere ha sempre creduto e nel quale sta investendo molto in ottica della sostenibilità ambientale ed economica».
A conferma dell’importanza del Salone, i patrocini e le collaborazioni che Progetto Fuoco può vantare sono numerosi e significativi: Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero per lo Sviluppo Economico, Regione Veneto, ITABIA, ENEA, Università degli Studi di Padova e AIEL.
Come prima rassegna del genere in Europa, Progetto Fuoco richiama 553 espositori di cui 191 da 30 paesi del mondo. In mostra oltre 4.000 tra stufe e caminetti, senza dimenticare le caldaie, gli impianti industriali e le macchine per il taglio del legno e la produzione di cippato e pellet. Sono 72.000 i metri quadrati espositivi netti, con 5 padiglioni di cui quattro dotati di un sistema di aspirazione dei fumi che permette di tenere accesi più di 240 caminetti e stufe. Nel 2010 i visitatori sono stati oltre 60.000.
«Con Progetto Fuoco – dichiara il Direttore Generale di Veronafiere Giovanni Mantovani – la Fiera di Verona ha un presidio diretto di questo importante settore. Insieme alle altre manifestazioni in portafoglio come Bio Energy Expo e la biennale Legno&Edilizia, la Fiera possiede un know how consolidato che le attribuisce una leadership internazionale nel campo delle biomasse e delle energie rinnovabili».
Il settore delle biomasse, infatti, tra le fonti di energia rinnovabili, è quello che offre i maggiori margini di crescita nei prossimi anni, soprattutto sul mercato italiano. Secondo il Piano energetico nazionale, nel 2020 le biomasse diventeranno la prima fonte energetica rinnovabile, con una quota di copertura dei consumi del 44 per cento, di cui il 60 per cento grazie proprio alle biomasse legnose.
Un trend di crescita in linea con lo sviluppo della manifestazione. Come conferma Aldo Rebuli, presidente della PTM, la società che cura per conto di Veronafiere l’organizzazione di Progetto Fuoco: «Dalla prossima edizione – spiega – potenzieremo ancora di più le presenze estere che già oggi rappresentano il 35 per cento del totale degli espositori, in particolare dai paesi dell’Est Europa, dal Nord e dal Sud America».
Progetto fuoco non è solamente caminetti e stufe hi-tech: durante la manifestazione ci saranno anche numerosi convegni e workshop dedicati alle emissioni da combustione del legno, alla gestione forestale della risorsa e alle certificazioni internazionali sulla qualità del pellet. Si discuterà inoltre del nuovo decreto del Governo sul Conto Energia destinato agli apparecchi più virtuosi. Senza dimenticare, sabato 25, l’appuntamento con “Veronafiere InConTra” dal titolo “Riscaldiamoci. Antidoti al Grande Freddo della crisi”.
«Protagonisti di Progetto Fuoco sono quindi anche i contenuti – conclude Marino Berton, presidente di Aiel – che ruotano intorno a tre concetti chiave: filiera conveniente, innovazione ed economia».

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.