24 dicembre-6 gennaio: a Modigliana torna E Zoc Ed Nadel


La manifestazione riprende l’usanza che trae le sue radici dalla tradizione. Un grande ceppo viene acceso nella piazza principale del paese e arde fino all`Epifania.

Il rito risale al 274 D.C., quando l`imperatore Aureliano decise che il 25 dicembre si festeggiasse il Sole, quindi il fuoco. Da questo fatto nacque poi la tradizione del ceppo natalizio: un pezzo di legno, preferibilmente di quercia, che ardeva per dodici giorni in tutte le case.

Da come bruciava, si traevano presagi sull`andamento dell`anno. Oggi la manifestazione offre a tutti l’opportunità di scambiarsi gli auguri e trascorrere una serata in allegra compagnia.

Modigliana è il centro di maggior rilievo della vallata del Tramazzo, nell’entroterrra forlivese. Nel Medioevo fu feudo dei conti Guidi, potente famiglia dominatrice di oltre duecento castelli tra la Romagna e la Toscana.

E’ ricca di edifici storici, Palazzo Pretorio, Palazzo Borghi, l’antica Rocca, notevole è pure il Duomo. Il museo Don Giovanni Verità custodisce poi numerose opere di Silvestro Lega, pittore che qui ebbe i natali.

Un Commento in “24 dicembre-6 gennaio: a Modigliana torna E Zoc Ed Nadel”

  • Mirko scritto il 18 dicembre 2012 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 16:13

    Esagerati. Il rito risale a quando CINO del bar centrale decise di accendere un piccolo focherello per fare la colazione alla mattina con pancetta / aringa e sangiovese assieme agli amici. Circa 25 anni fa.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.