A Fiesse dal 30 al 2 dicembre : una tre giorni all’insegna del maiale

Alla 22esima Sagra del Pursèl menu con salsicce,costine con le verze,ossa e piedini,risotto con pasta di salame e cotechino- Dimostrazioni di concia del maiale e musiche popolari- Burlesque e danze orientali con Francesca Cavallotti. Se ne vedranno di cotte e di crude: si assaggerà(gratis)una montagna di ciccioli,si gusteranno(a prezzo controllato)cotechino,ossa e piedini,costine con le verze…insomma,tutti i piatti legati alla antica tradizionale festa rituale della trasformazione del maiale. A Fiesse,in provincia di Brescia,al confine con Cremona, da venerdì 30 novembre a domenica 2 dicembre,si svolgerà,nella zona attorno alla palestra comunale,la 22esima edizione della Sagra del Pursèl,legata alla antica tradizione locale secondo la quale ogni famiglia,in questa terra anche contadina,aveva un paio di maiali che tra novembre e dicembre,con i freddi di fine autunno,lasciavano la porcilaia ed arrivavano,trasformati dalle mani esperte dei norcini,in leccornie oggi,in piatti della sopravvivenza ieri. Edoardo Raspelli,giornalista,critico gastronomico sarà il testimonial.
Madrina della Sagra del Pursèl,Francesca Cavallotti,22 anni, perito chimico di Casalpusterlengo(Lodi), docente di danze orientali e burlesque,l elegante Dita von Teese italiana,.
La manifestazione si aprirà venerdì 30 novembre alle 19.30 con una serata enogastronomica con prodotti tipici della zona (e non solo)tra affettati misti,stinco di maiale allo spiedo,salame cotto nella panna,polenta e culatello di Zibello…
Sabato 1 dicembre alle 18 apertura con gli stand gastronomici e serata con la²Trattoria del Pursèl²:piatti tipici a prezzo controllato come il brasarol(salame cotto alla brace),ris sporc(risotto con pasta di salame fresco),ossa e piedini,costine con le verze,cotechino,frittura…
Domenica 2 dicembre alle 11.30 l¹intervento tra gli stand di Edoardo Raspelli e dalle 12 alle 22 via libera,di nuovo,alla Trattoria del Pursèl.Nel pomeriggio assaggi gratuiti di ciccioli e maialino sardo e dalle 14 alle 15,diretta di²concia del maiale² con l¹Associazione dei norcini bresciani e fiessesi.
Musica tutte le serate e per l¹intera domenica. Domenica alle 15,poi,alla
palestra comunale,l¹elegante esibizione di Francesca Cavallotti.
Chiara Pillitteri,sindaco del Comune di Fiesse si fa partecipe della storia della tradizione locale:³La manifestazione si ispira alle più genuine tradizioni contadine, quando ³uccidere² il maiale costituiva uno dei più significativi tasselli dell¹annata agraria: un momento di partecipazione collettiva che seguiva un rito consolidato. Il nostro paese è rimasto legato ai vecchi schemi del passato, depositari della storia ³minuta² della campagna bresciana.tre giorni dedicati a quella ³cultura del maiale² che affonda le sue radici in epoche lontane, ma che ancor oggi è patrimonio sociale condiviso nelle aree rurali della nostra provincia: sono ancora molte le cascine dove, con l¹arrivo dei primi freddi, rimane tradizione ³sacrificare² l¹animale prescelto per le esigenze famigliari durante
l¹inverno. Il miglior modo per un profondo ringraziamento è una rievocazione ufficiale dei valori e dell¹opera delle generazioni che ci hanno preceduto. Questa sagra è un grazie ai nostri avi e un modo per trasmettere le esperienze, le tradizioni e le emozioni alle nuove generazioni, ormai troppo lontane da quel mondo agricolo che ha caratterizzato la vita dei nostri nonni.
Un evento primo per il suo genere istituito in provincia di Brescia, e
rimasto principe delle proposte analoghe spuntate sul territorio bresciano.
A Fiesse è quindi da riconoscerne l¹idea e il primato. Una kermesse sempre
in crescita che di anno in anno ha saputo lievitare in qualità e quantità e
puntando sempre in avanti. Soprattutto l¹intento è quello di mantenere alti
i valori su cui si è basata e si appoggia, la riscoperta delle tradizioni
contadine e la saggezza della sua cultura.
Durante la Sagra, oltre ai molteplici appuntamenti culturali e di
intrattenimento, un punto di riferimento molto importante è l¹apertura della
³Trattoria del Purcèl², dove sono riproposte le ricette che in passato
venivano preparate nelle cucine delle nostre cascine³.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.