A Firenze i giovani di Coldiretti. Difesa del Made in Italy sfida del futuro

“La faccia giovane del Paese”: questo il titolo dell’Assemblea di Coldiretti Giovani Impresa Centro Italia, alla quale hanno partecipato oggi a Firenze, nella magnifica cornice del Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, quattrocento imprenditori agricoli under 30 provenienti da Toscana, Marche, Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna. “Con l’evento di oggi apriamo un percorso che si concluderà a maggio a Roma nell’assemblea nazionale di Coldiretti Giovani Impresa e che passa attraverso altri due eventi, uno a Verona il 28 febbraio con tutti i giovani del nord ed uno a Napoli con i ragazzi del sud il 14 marzo – ha esordito il Delegato Nazionale, Vittorio Sangiorgio – nel sottolineare che il progetto della filiera agricola tutta italiana guarda ai giovani come protagonisti, non soltanto del futuro ma anche del presente; un protagonismo imprenditoriale che riteniamo di assumerci per contribuire positivamente alla nuova fase che deve vivere il nostro Paese”. Al centro dell’assemblea la tutela del Made in Italy elemento indispensabile per garantire un futuro ai giovani imprenditori ed il “caso Simest”, la “Società italiana per le imprese all’Estero” finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese italiane all’estero controllata dal Ministero dello sviluppo economico che avrebbe infatti usato risorse pubbliche in maniera impropria finanziando direttamente o indirettamente la produzione o la distribuzione di prodotti alimentari che non hanno nulla a che fare con il tessuto produttivo del Paese. “Tutelare il made in Italy significa dare futuro ai giovani e all’Italia – ha ricordato Sangiorgio – per questo, invito i giovani imprenditori di Coldiretti a manifestare sotto Montecitorio contro la triste pagina della Simest, la società controllata dal governo che prende soldi italiani e, con in nostri sacrifici, finanzia la delocalizzazione in Romania o altre attività negli Usa. È un attacco all’agricoltura e a futuro giovani che credono in questo paese”.
Un momento, quello dell’Assemblea che, secondo Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti Toscana, rappresenta “il seme del futuro del nostro paese”. “Questa è l’Italia che non delocalizza – ha detto riferendosi ancora al caso Simest – l’Italia che reagisce alla crisi e difende il futuro. Questo è il Paese che investe e sa guardare avanti: sono le fondamenta del domani”.
Ed è un ruolo centrale quello che i giovani da Firenze hanno invocato. Un ruolo da protagonisti. “In questo difficile momento economico – ha affermato Ilse De Matteis Delegata Coldiretti Giovani Impresa Abruzzo, in rappresentanza delle regioni del Centro Italia – in cui tante scelte stanno riscrivendo il futuro dei giovani del nostro Paese, non può sfuggire il vuoto rappresentativo negli ambiti decisionali, che proprio i giovani debbono “scontare”. Come Giovani Impresa – ha aggiunto – vogliamo affermare oggi, la necessità di una voce forte e giovane nella rappresentanza, che consenta un reale cambio di passo nel Paese. Alcune criticità comuni ai giovani imprenditori agricoli delle regioni del Centro Italia – ha spiegato De Matteis – che impediscono alle vere imprese di esprimere il loro potenziale, sono un sistema creditizio ancora ‘poco accessibile’, una burocrazia lenta e un alto costo dei terreni. Occorre sfruttare al meglio ciò che accomuna i territori dell’Italia centrale, ovvero la ricchezza di produzioni agroalimentari Made in Italy riconosciute a livello comunitario (107 tra Dop e Igp su un totale di 291 a livello nazionale, pari al 36%), l’importanza di un’economia agricola perno del turismo, così come la possibilità data dalla vendita di terreni statali, che per le nostre 7 regioni potrebbe favorire la nascita di oltre 10.000 giovani imprese”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.