A Mario Catania l’augurio di buon lavoro dal mondo agricolo e agroalimentare

Mario Catania, neoministro delle Politiche agricole, è un ‘supertecnico’ esperto di politiche comunitarie, con un bagaglio di importanti incarichi a Bruxelles e unanime è la soddisfazione per l’incarico affidatogli dal prof. Monti in un momento particolarmente delicato per il settore, che si confronta con la crisi internazionale e il dibattito a Bruxelles per la Riforma della Pac post 2013.
“Siamo certi – afferma il presidente della Copagri, Franco Verrascina – che l’elevata competenza di Catania, con il sostegno dell’esecutivo e del mondo agricolo, potrà essere un bene per risollevare le sorti dell’agricoltura italiana per quanto concerne le necessarie misure da adottare a livello di politica nazionale e nell’ambito del delicato negoziato sulla riforma della Pac'”.
“E’ un’ottima scelta, un tecnico di grande esperienza che si insedia in un momento particolare per il Paese e per il futuro dell’ agricoltura italiana in una delicata fase del negoziato di riforma della Politica agricola comune”- afferma Sergio Marini, presidente della Coldiretti, nel fare gli auguri di buon lavoro al nuovo ministro delle Politiche agricole al quale Giuseppe Politi presidente della Cia – Confederazione italiana agricoltori chiede “una ripresa del confronto con le rappresentanze dell’intero sistema agroalimentare, da anni bruscamente interrotto”.
“Mario Catania avrà davanti un compito molto impegnativo, afferma Mario Guidi, presidente di Confagricoltura, che si dice certo che “il neotitolare del ministero, forte della lunga esperienza maturata in materia di politiche agricole nazionali e comunitarie vorrà e saprà essere vicino alle imprese del settore ed accompagnarle verso la realizzazione di questi obiettivi”.
“Riuscire a raggiungere gli obiettivi necessari al superamento della crisi economica e contribuire positivamente al rilancio di una nuova stagione agricola” è anche l’augurio rivolto a Catania dal presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso che sottolinea come il neoministro “dovrà affrontare una crisi di settore sempre più grave e per farlo dovrà effettuare scelte coraggiose e innovative che sappiano guardare al mondo agricolo senza difendere interessi di parte, spesso estranei al rilancio del primario”
“Non poteva esserci scelta migliore per guidare il Ministero delle politiche agricole in questa fase cruciale” commenta Assosementi mentre in una nota congiunta i presidenti di Agci Agrital, Federcoopesca-Confcooperative e Lega Pesca, Giampaolo Buonfiglio, Massimo Coccia e Ettore Ianì, hanno sottolineato l’importanza di un ministro “vicino al settore, ma anche alla politica dell’Unione”. Un aspetto sottolineato anche dal presidente della Commissione Agricoltura del Senato, Paolo Scarpa Bonazza Buora, che dice certo del fatto che “la sua profonda conoscenza dell’agricoltura italiana e delle politiche comunitarie gli consentiranno di far pesare a Bruxelles il ruolo dell’agricoltura e della pesca italiana”, e dal presidente della commissione Agricoltura della Camera, Paolo Russo secondo il quale “Le specifiche competenze di Mario Catania rappresentano una garanzia per l’agricoltura italiana che, soprattutto in Europa, ed in vista della riforma della Pac, potrà contare su di una voce autorevole che saprà promuoverne le istanze e valorizzarne specificità e punti di forza”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.