A Ravenna l’agricoltura punta su comunicazione e informazione

Informare gli agricoltori sulle opportunità offerte dal Programma di Sviluppo Rurale nella Provincia di Ravenna per diversificare la loro attività. Era questo uno degli obiettivi de Il rurale che cresce, il convegno organizzato proprio dalla Provincia di Ravenna oggi nell’ex chiesa di San Giovanni Battista di Riolo Terme.
Il primo di una serie di eventi, che prevede anche workshop e seminari, per creare momenti di incontro e confronto tra imprenditori agricoli e istituzioni. Il rurale che cresce si inserisce infatti nelle azioni, previste dal Psr 2007-2013, per la promozione di attività di informazione e comunicazione rivolte agli agricoltori. Tra queste, anche lo sportello per gli imprenditori agricoli che ha inaugurato lo scorso dicembre a Ravenna e Faenza; sportello cui è possibile accedere anche on line all’indirizzo www.ilruralechecresce.provincia.ra.it.
A sottolineare la necessità dell’informazione sulla diversificazione e la multifunzionalità delle aziende agricole è stato l’assessore provinciale all’agricoltura Libero Asioli, che ha ricordato l’importante significato del PSR per il territorio ravennate. “Il Psr è una vera e propria boccata di ossigeno che viene dall’agricoltura a beneficio dell’intera comunità”, ha commentato Asioli, dando i numeri aggiornati del Psr nella Provincia di Ravenna. “Il Psr prevede, per il 2011, circa 17 milioni di aiuti alle imprese agricole, una parte dei quali trascinerà altrettante risorse private; sono contributi che vanno a favore delle imprese, è vero, ma che avranno una ricaduta importante sul territorio”, ha spiegato l’assessore provinciale.
E’ invece uno sguardo europeo quello rivolto all’agricoltura dall’assessore regionale Tiberio Rabboni, che auspica una politica agricola comunitaria che tuteli maggiormente gli imprenditori agricoli. In particolare per quanto riguarda la grande distribuzione: “E’ necessario”, ha spiegato Rabboni, “ricondurre i rapporti tra fornitori agricoli e grande distribuzione a regole di trasparenza.” La Regione Emilia Romagna per ora vuole cominciare a fare sul suo territorio Quello che si chiede a Bruxelles. “Nelle prossime settimane porterò in giunta una proposta di codice di condotta che regoli i rapporti tra imprese agricole e grande distribuzione alimentare”, ha promesso l’assessore all’agricoltura della Regione.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.