A Vinexpo di Bordeaux il vino racconta racconta la storia d’Italia


Cento aziende vinicole italiane provenienti da 9 Regioni sono presenti da oggi, con l’organizzazione dell’ICE (Istituto Commercio Estero) al Salone VINEXPO 2011, inaugurato oggi dal Ministro degli Esteri francese Alain Juppe’ e dal Ministro dell’Agricoltura Bruno Le Maire. Il Salone rimarra’ aperto fino al 23 giugno presso i padiglioni del Parc des Expositions di Bordeaux, nel sud-ovest della Francia. La manifestazione riunisce ogni due anni nella citta’ simbolo del vino francese i principali produttori di vino ed alcolici di tutto il mondo. ”Partecipare a Vinexpo 2011 nell’anno delle celebrazioni per il 150/o anniversario dell’Unita’ nazionale – ha detto il Presidente dell’ICE Umberto Vattani ai due ministri francesi in visita al Padiglione Italia – mira a promuovere il Paese attraverso i nostri vini che, con i loro colori, profumi e sapori, descrivono il nostro Paese. Inoltre l’Italia, con 49,6 milioni di ettolitri, ha superato la produzione francese nell’anno 2010. Il binomio vincente – prosegue Vattani – e’ ‘vino – territori’ e l’Italia occupa il primo posto perche’ dotata di un patrimonio di tradizioni, storia e cultura estremamente variegato. Il Vino racconta l’Italia – conclude Vattani – ne e’ un esempio che, attraverso un ciclo di 16 Seminari, mira a far conoscere al consumatore la presenza delle imprese italiane a Bordeaux e i loro prodotti”. I seminari verranno trasmessi in diretta sul sito www.terroirsditalie.com. ”L’Italia della Storia millenaria”, ”L’Italia Patria della Musica”, ”L’Italia memoria storica e luogo delle Arti” e ”L’Italia dei Comuni e delle Regioni” sono i quattro temi sui quali ruota un ciclo di 16 seminari – guidati da relatori di fama internazionale – che ripercorrera’ alcuni dei momenti piu’ salienti della storia d’Italia legata a doppio filo con la storia del vino. L’ICE ha previsto ogni giorno quattro seminari su diversi filoni tematici, cui prenderanno parte complessivamente 96 aziende italiane. Si inizia domenica 19 con il Seminario sui Vini dei Cesari, al quale faranno seguito ‘Libiam nei lieti calici – sui vini e sapori delle terre Verdiane’, il seminario sulla citta’ di Verona e i suoi vini e quello dal titolo ‘Comuni non comuni’, sulle realta’ territoriali che, grazie alla produzione vitivinicola, sono divenute un simbolo di un modello di sviluppo decentrato e diffuso. Lunedi’ 20 si discutera’ della viticoltura legata al mondo ecclesiastico con il Seminario ‘Vini dei Papi’, dell’incontro tra la musica di Vincenzo Bellini e il vino dell’Etna, dei vini della Val d’Orcia e dei vini della Puglia tra tradizione e Innovazione. Martedi’ 21 i Seminari approfondiranno le realta’ produttive dell’epoca del Risorgimento, i vini di Mozart in viaggio in Italia, quelli dell’eredita’ di Federico II a Castel del Monte ed i vini delle Marche. Mercoledi’ 22 sara’ l’occasione per ripercorrere lo stato dell’arte dell’Italia del Sud nelle fasi antecedenti la nascita dell’Italia con il seminario ‘I vini dei Vicere”’, per esaltare uno dei piu’ straordinari generi musicali, la Tarantella, e i vini prodotti in quel territorio, il ruolo del Nero d’Avola, il vitigno a bacca rossa più diffuso in Sicilia che fissa l’identità dell’isola. Infine, verra’ proposto un viaggio virtuale tra le colline del Monferrato e delle Langhe e i vini di questa parte del Piemonte. L’iniziativa dell’ICE si completa con l’innesto del Progetto Magis, coordinato da 12 universita’ italiane, teso alla definizione di un modello produttivo in cui l’attenzione alla eco-compatibilita’ della produzione vitivinicola diviene l’elemento centrale. Il 2010 ha confermato l’importanza dei mercati esteri per il vino italiano con un volume di esportazioni che ha raggiunto la metà della produzione nazionale e per un controvalore di 4 miliardi di euro. Tutte le aree produttive del Paese hanno concorso all’incremento dei flussi esteri. La crescita più elevata e’ stata registrata nei mercati dei Paesi al di fuori della Ue, con un incremento del 19% per 6,4 milioni di ettolitri dai 5,4 dell’anno scorso. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.