Accordo Ue-Marocco: Cia, più controlli nelle dogane


E’ indispensabile un impegno straordinario della polizia doganale di tutti i paesi europei interessati per far rispettare le regole previste dall’accordo Ue-Marocco che ha aumentato i quantitativi dell’import ortofrutticolo facendo crollare i prezzi del pomodoro da mensa su tutti i mercati comunitari. Lo fa presente la Cia che condivide il giudizio del Gruppo di contatto ispano-franco-italiano, che ha denunciato in questi giorni l’invasione dilagante dei pomodori da mensa marocchini a prezzi stracciati sui mercati europei senza un rigoroso controllo alle dogane sull’adempimento di quei livelli minimi di dazi previsti dall’accordo. E’ evidente che anche il massimale per l’esportazione di novembre (35mila tonnellate) previsto dall’accordo è già stato ampiamente superato, fa presente la Cia ricordando che nell’accordo era previsto un rafforzamento dei meccanismi di controllo su prezzi all’ingrosso e volumi delle partite di prodotto. “E’ imprescindibile che oggi – conclude la Cia – la Commissione europea di Bruxelles, che ha voluto fortemente questo accordo nonostante le critiche e le fondate preoccupazioni dei paesi ortofrutticoli europei, debba rendersi garante, con un impegno straordinario di un controllo più stringente su tutte le partite di prodotto che stanno entrando in Europa”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.