Accordo Ue-Usa; mondo agricolo ,no deroghe a qualità

Nuova Agricoltura, New AgricultureMassima allerta sul negoziato per l’accordo di partenariato transatlantico Usa-Ue su commercio e investimenti (Ttip) che interessa 1 miliardo di abitanti, affinchè diventi un’opportunità per il made in Italy salvaguardando però qualità e sicurezza alimentare. E’ quanto hanno sostenuto i rappresentanti delle organizzazioni agricole Agrinsieme, Coldiretti, Copagri, UeCoop e Unci in Commissione Agricoltura della Camera, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle ricadute sul sistema agroalimentare italiano del Ttip.
Secondo Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti, ”non permetteremo alcuna deroga per le carni avicole alla varechina, per quella bovina con ormoni e antibiotici ma anche per gli Ogm, non sono negoziabili né la qualità né la sicurezza”. Per Moncalvo ”sicuramente servirà un miglior accesso per le barriere tariffarie e una vera tutela per tutti i prodotti a denominazioni”.
Agrinsieme, il coordinamento Confagricoltura, Cia, Alleanza delle cooperative italiane, ha rimarcato l’importanza del negoziato che interessa un mercato di quasi 1 miliardo di abitanti del pianeta e due ‘blocchi’ che attivano 6-7 mila miliardi di euro di scambi a livello mondiale; e proprio per questo rappresenta in primo luogo un’opportunità per finalizzare gli interessi offensivi della Ue e dell’Italia anche in campo agricolo ed agroalimentare. Agrinsieme ha poi ricordato la lista dei settori produttivi per i quali dobbiamo rimuovere tutte le barriere tariffarie ma anche non tariffarie (complicazioni burocratiche, norme sanitarie e fitosanitarie e altri costi diretti ed indiretti)che vincolano l’export verso gli Usa, così come si deve conseguire una certa armonizzazione e reciprocità su regole e standard normativi.
Secondo Copagri occorre attendere per analizzare con più dati a disposizione il Ttip, ma deve essere chiaro che sarebbe impensabile un accordo senza il vaglio del Parlamento Europeo, istituzione che rappresenta i cittadini di tutta l’Unione, per poi diventare la migliore sintesi politica possibile tra gli organi decisionali comunitari negli interessi delle imprese e dei consumatori. UeCoop e Unci, infine hanno evidenziato ancora l’importanza degli standard qualitativi, meno visibili delle barriere tariffarie ma non per questo meno trascurabili. (ANSA).

Un Commento in “Accordo Ue-Usa; mondo agricolo ,no deroghe a qualità”

  • Alberto Zoratti scritto il 16 gennaio 2015 pmvenerdìFridayEurope/Rome 22:07

    E’ impressionante come le associazioni di categoria che dovrebbero proteggere e tutelare seriamente le nostre produzioni, si lascino abbindolare da specchietti per le allodole come il Ttip. Studi autorevoli, come quello del DG Internal Policies, stima che con la conclusione del trattato le importazioni agroalimentari aumenteranno del 118 per cento. Impatti sociali e ambientali ben evidenziati da studi come quello della Tufts University, pubblicato nell’ottobre scorso. Per far guadagnare una quota di mercato per i vini Zonin o per l’aceto balsamico di Modena, rischiamo di deregolamentare interi settori, con impatti imprevedibili. La retorica delle organizzazioni agricole non e’ solo fuori luogo, ma proprio inaccettabile…

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.