Aceto balsamico: Italia, l’Ue intervenga su quello fatto in Grecia


Ben 35 Europarlamentari italiani, dei piu’ disparati schieramenti politici, hanno depositato ieri una interrogazione scritta alla Commissione Europea perche’ sia chiarita la posizione del Governo greco nei confronti della produzione locale di ‘aceto balsamico’, bollata come illegittima dall’Italia. In pratica, la Grecia subito dopo la registrazione dell’ Aceto Balsamico di Modena come IGP , nel 2009 ha provveduto a variare la propria legge alimentare introducendo tra gli aceti la definizione di ‘aceto balsamico greco’, e ha notificato tale variazione secondo una procedura prevista dalle direttive europee per norme tecniche, che nulla ha a che vedere con gli uffici della Commissione Agricoltura che presiede all’uso delle denominazioni protette per le specialita’ alimentari. “Una variazione che subito e’ apparsa strumentale, e tesa ad appropriarsi indebitamente del successo del noto Aceto Balsamico di Modena – afferma Cesare Mazzetti, presidente del Consorzio – : infatti la Grecia, insieme a Francia e Germania si erano opposte alla registrazione della IGP per il nostro aceto, cercando di rendere la denominazione ‘balsamico’ di libero utilizzo . Si deve infatti sottolineare che non e’ mai esistita una produzione di ‘aceto balsamico’ al di fuori dell’Italia, e solo negli ultimi anni, sulla scia dei successi commerciali del prodotto, questi Paesi hanno iniziato a produrre delle vere e proprie imitazioni. Visto l’insuccesso della propria opposizione, il governo greco sostenuto dai produttori locali ha messo in atto un vero e proprio ‘aggiramento’ della protezione garantita dalla registrazione IGP, utilizzando una procedura che di fatto riguarda prodotti tecnici e industriali”. Il Consorzio Aceto Balsamico di Modena ha sensibilizzato il Ministero delle Politiche Agricole, che a sua volta ha coinvolto anche il Ministero dello Sviluppo Economico responsabile per le procedure improvvidamente seguite dalla Grecia, che si sono opposti e hanno presentato osservazioni. “Si e’ trattato – osserva Mazzetti – di una autentica alzata di scudi italiana, con il Ministero delle Politiche Agricole che ha tenacemente difeso le ragioni dei produttori. Al nostro fianco e’ doveroso segnalare anche la presa di posizione del Presidente della Commissione Agricoltura presso l’Europarlamento, Paolo De Castro, e del vasto schieramento di rappresentanti politici di numerosi partiti, che oggi hanno sottoscritto l’interrogazione. E non si tratta dell’interesse di un solo settore, per quanto l’aceto balsamico di Modena IGP con i suoi 90milioni di litri e 400milioni di euro di valore si posizioni molto in alto nella classifica delle denominazioni italiane: gli europarlamentari hanno fatto notare che di fatto la procedura greca, se fosse accettata, vanificherebbe gli effetti dell’intero sistema delle denominazioni protette: qualunque Paese infatti potrebbe variare, sulla scia del successo commerciale di un prodotto IGP o DOP, le proprie norme alimentari per accogliere una denominazione imitativa di questo, e permettere cosi’ ai propri produttori di avvantaggiarsene economicamente: un ipotetico ‘grana danese’ o tedesco potrebbe cosi’ sottrarre vendite al Grana Padano DOP, con conseguente danno economico per gli operatori, confusione per i consumatori, e totale perdita di credibilita’ al sistema europeo delle denominazioni protette, fortemente voluto da Paesi a forte vocazione agricola come il nostro”.
Il Consorzio Aceto Balsamico di Modena ha sensibilizzato il Ministero delle Politiche Agricole, che a sua volta ha coinvolto anche il Ministero dello Sviluppo Economico responsabile per le procedure improvvidamente seguite dalla Grecia, che si sono opposti e hanno presentato osservazioni. “Si e’ trattato – osserva Mazzetti – di una autentica alzata di scudi italiana, con il Ministero delle Politiche Agricole che ha tenacemente difeso le ragioni dei produttori. Al nostro fianco e’ doveroso segnalare anche la presa di posizione del Presidente della Commissione Agricoltura presso l’Europarlamento, Paolo De Castro, e del vasto schieramento di rappresentanti politici di numerosi partiti, che oggi hanno sottoscritto l’interrogazione. E non si tratta dell’interesse di un solo settore, per quanto l’aceto balsamico di Modena IGP con i suoi 90milioni di litri e 400milioni di euro di valore si posizioni molto in alto nella classifica delle denominazioni italiane: gli europarlamentari hanno fatto notare che di fatto la procedura greca, se fosse accettata, vanificherebbe gli effetti dell’intero sistema delle denominazioni protette: qualunque Paese infatti potrebbe variare, sulla scia del successo commerciale di un prodotto IGP o DOP, le proprie norme alimentari per accogliere una denominazione imitativa di questo, e permettere cosi’ ai propri produttori di avvantaggiarsene economicamente: un ipotetico ‘grana danese’ o tedesco potrebbe cosi’ sottrarre vendite al Grana Padano DOP, con conseguente danno economico per gli operatori, confusione per i consumatori, e totale perdita di credibilita’ al sistema europeo delle denominazioni protette, fortemente voluto da Paesi a forte vocazione agricola come il nostro”.(AGI)

2 Commenti in “Aceto balsamico: Italia, l’Ue intervenga su quello fatto in Grecia”

  • alessandro scritto il 4 aprile 2011 pmlunedìMondayEurope/Rome 15:06

    Proporrei alla Fiat di chiedere di registrare l’Auto Italiana IGP così potremmo sbaragliare la concorrenza ed impedire la produzione di auto negli altri paesi UE.

  • paolospero scritto il 5 aprile 2011 pmmartedìTuesdayEurope/Rome 21:30

    Ma l’uva per fare il balsamico da dove viene? Non certo da Modena! L’aceto Balsamico di MOdena, per chi non lo sapesse è una semplice miscela di aceto mosto concentrato e caramello!!! cosa ci sia da proteggere non lo so proprio. In più usa prodotti e materie prime fuori regione (per non dire fuori Italia), insomma è un privilegio per pochi produttori e non distribuisce nulla sul territorio locale e nazionale.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.