Acqua: Anbi risponde a Segré “nei campi non c’è spreco”


Collegare la battaglia contro lo spreco alimentare allo sperpero dell’acqua in agricoltura “è una forzatura pericolosa in termini di equilibrio ambientale”. Così ha risposto Massimo Gargano, presidente dell’associazione nazionale boninifiche e irrigazioni (Anbi), a quanto sostenuto ieri a Bologna da Andrea Segré, preside di Agraria dell’Alma Mater, presentando le giornate europee anti-spreco. Segré aveva detto che l’acqua utilizzata in un anno per i 14 milioni di tonnellate di frutta non consumata in Italia, 12 miliardi di metri cubi, equivale a un decimo dell’Adriatico. Per Gargano bisogna ricordare che “solo la minor parte dell’acqua usata per l’irrigazione viene assorbita dalla pianta; la restante viene reimmessa nel ciclo ambientale, spesso in condizioni di salubrità migliori di quando viene prelevata, contribuendo ad arricchire le falde acquifere e, nelle zone costiere, a contrastare la risalita del cuneo salino”. Altra cosa, ha spiegato, “è invece parlare di ottimizzazione d’uso dell’acqua irrigua, per la quale ci stiamo adoperando con la realizzazione del sistema Irriframe, attualmente in fase sperimentale nei consorzi di bonifica di sei regioni italiane ed il cui avvio operativo è previsto per il 2012”. Il vero spreco, ha concluso il presidente, “è legato ai circa 300 miliardi di metri cubi di pioggia che, ogni anno, mediamente, cadono sull’Italia. Di questo volume, considerando le primarie necessità di equilibrio ambientale, l’acqua utilizzabile è pari a 53 miliardi di metri cubi, ma quella realmente utilizzata si riduce a 45 miliardi di metri cubi”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.