Aflatossine nel mais: Coldiretti Veneto, e’ grave problema

mais 2Si devono trovare soluzioni per le imprese agricole, ma non si puo’ derogare la tutela della salute dei consumatori: la determinazione dei limiti di micotossine spetta alle autorita’ scientifiche, per cui qualsiasi scelta di modificare in alto o in basso i livelli non puo’ essere demandata all’improvvisazione senza il supporto della competenza sanitaria. Con questa premessa Coldiretti ha interessato il Ministero della Salute sulla questione aflatossine presente in forte concentrazione nelle coltivazioni di mais dell’area del bacino padano. In relazione alle rinnovate richieste di rivisitazione dei parametri manifestate da piu’ parti – si legge nella lettera firmata da Coldiretti – e’ doveroso procedere tenendo conto della gerarchia degli interessi implicati nella filiera alimentare.
Per questo Coldiretti chiede alla struttura ministeriale di chiarire ufficialmente il corretto limite di aflatossine nei mangini e negli alimenti e, non ultimo, l’intervento dell’Istituto Superiore di Sanita’ per adottare tutte le risposte richieste per una migliore gestione dei rischi del sistema zootecnico veneto. “Qualsiasi soluzione non deve penalizzare il comparto agricolo, da otto mesi alla merce’ di facili speculazioni – sottolinea il presidente Giorgio Piazza – anzi, a livello regionale e’ prioritario che il governo tenga conto delle preoccupazioni degli imprenditori per un’emergenza nuova collegata ai cambiamenti climatici”. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.