Agricoltori ancora in piazza. Oggi Coldiretti a Milano, domani la Cia a Roma

Questa mattina a Milano il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, dopo aver incontrato una delegazione di Coldiretti Lombardia nell’atrio istituzionale di Palazzo Pirelli, e’ sceso in piazza per incontrare gli allevatori che da stamani sono in presidio per protestare contro il congelamento del pagamento delle multe delle quote latte e per sensibilizzare sulla trattativa ancora aperta per stabilire il prezzo del latte alla stalla. Salutato da migliaia di bandiere gialle con il logo della Coldiretti che sventolavano, Formigoni e’ salito su un rimorchio di un trattore che e’ stato scelto come palco della manifestazione.
”Continuo e continueremo ad essere al vostro fianco. Andiamo avanti insieme” ha detto ”Voi siete espressione di quel vasto mondo di agricoltori che ha sempre agito nella legalita”’. Il presidente di Coldiretti Lombardia, Nino Andena, ha espresso le motivazioni della mobilitazione e ha anche consegnato al governatore due scatoloni contenenti alcuni degli elenchi degli allevatori lombardi in regola con il pagamento delle multe sulle quote latte.
Nell’incontro con la delegazione di Coldiretti Lombardia al Pirellone, il presidente Formigoni ha risposto anche alle sollecitazioni dell’associazione di categoria in merito a un’attenzione sulla trattativa per fissare il prezzo del latte alla stalla, dopo che l’ultimo accordo con gli industriali del latte e’ scaduto il 30 giugno. ”Confermo – ha spiegato Formigoni – la mia attenzione e quella della mia Giunta rispetto a questa partita. Invoco da parte di tutti coloro che sono coinvolti nella trattativa, ragionevolezza, rispetto e volonta’ chiara, espressa con i fatti, di voler conservare e dare futuro alla produzione lattiero casearia che avviene nelle nostre regioni e in particolare in Lombardia perche’ il prodotto lombardo e’ garantito, non soltanto dalla serieta’ degli operatori ma anche da strumenti di controllo della qualita”’. Pur garantendo l’attenzione da parte della Giunta sulla trattiva per fissare il prezzo del latte, Formigoni ha comunque chiarito che il Pirellone non puo’ avere altro ruolo se non quello di mediazione tra le parti. Posizione espressa anche dall’assessore Regionale all’Agricoltura, Giulio De Capitani, che anche oggi ha ribadito la disponibilita’ del Pirellone, ”nel caso arrivasse la richiesta formale dalle parti”, di aprire un tavolo per arrivare ad un accordo. (ANSA).
E’ per domani mattina invece il sit-in organizzato dalla Cia, Confederazione italiana agricoltori, a piazza Montecitorio a Roma, in occasione della discussione alla Camera della manovra finanziaria. Al grido ”l’agricoltura italiana chiude e riconsegna le chiavi delle imprese” – spiega l’organizzazione – migliaia di imprenditori si sono dati appuntamento per denunciare di essere ormai allo stremo, assillati da opprimenti costi produttivi, contributivi e burocratici, da prezzi all’origine in caduta libera e da redditi sempre piu’ falcidiati. ”Uno scenario allarmante – conclude la Cia – che richiede immediati interventi” che verranno illustrati in piazza dal presidente Giuseppe Politi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.