Agricoltori panettieri: è guerra tra panificatori e Coldiretti

”Stop all’agricoltore-panettiere, e’ una forma di concorrenza sleale”. I panificatori italiani contestano il decreto che consente agli agricoltori di produrre e vendere pane fresco e annunciano battaglia. ”Gli agricoltori saranno i benvenuti nel nostro mondo – ha detto il presidente della Federazione italiana panificatori (Fippa), Luca Vecchiato – ma solo a patto che ci sia equita’ e pari condizioni. Cosi’ non e’: di punto in bianco – ha proseguito il presidente dei panificatori italiani – ci ritroviamo a dover competere contro una categoria di privilegiati fiscali, la cui pressione e’ di oltre il triplo inferiore alla nostra, con un regime forfetario che si ferma al 15%. Un paradiso fiscale rispetto al comparto della panificazione artigianale, che tra imposte dirette e indirette sconta circa il 52% di tasse sul reddito trasformato”. ”A chiudere il cerchio – ha aggiunto Vecchiato – sono le modalita’ di vendita, quelle dei ‘super incentivati’ farmer’s market, gia’ criticati dai commercianti in diverse zone d’Italia”. Per la Federazione panificatori, ”il decreto firmato dal ministro Tremonti apre di fatto a un vero e proprio Far West del mercato, in cui ci rimetteranno i 350 mila addetti (indotto compreso) che operano negli oltre 26mila forni artigianali italiani”.
”Siamo gia’ stritolati – ha detto il presidente della Fippa – da un mercato in flessione e da una concorrenza – quella della Gdo – che offre in gran parte pane surgelato, preconfezionato e in cassetta. Per farci riconoscere dai consumatori attendiamo da 4 anni dal ministero dello Sviluppo Economico l’emanazione del regolamento attuativo sul pane fresco, un atto dovuto dopo le liberalizzazioni del decreto Bersani che hanno colpito – tra i pochissimi – la categoria dei panificatori. Oggi la risposta arriva con un decreto beffa che dovra’ essere modificato; per questo abbiamo inviato una lettera al ministro Galan con la richiesta di un incontro urgente: ci sentiamo discriminati fiscalmente e penalizzati nelle prospettive economiche”. ”Sono per fortuna passati decenni dalle serrate sui prezzi calmierati – ha concluso Vecchiato – e non abbiamo nessuna voglia di tornare alle vecchie maniere. Ma se il nostro grido d’allarme dovesse rimanere inascoltato dalla politica, saremo costretti a prendere in considerazione forme di mobilitazione generale che sino ad oggi abbiamo cercato di evitare”.
Alla protesta dei panificatori risponde Coldiretti, forte sostenitrice del provvedimento.
Dagli agricoltori potrà essere acquistato solo il pane fatto con il grano italiano coltivato nelle aziende mentre oltre la metà di quello in vendita è ottenuto con farine straniere senza alcuna indicazione in etichetta – afferma l’organizzazione agricola – nel sottolineare che le nuove norme offriranno ai consumatori l’opportunità di garantirsi pane italiano al cento per cento, ottenuto spesso attraverso tecniche di lavorazione conservate nel tempo dalle aziende agricole. L’ aggiornamento della tabella dei beni che possono essere oggetto delle attività agricole connesse, è dunque importante – sottolinea la Coldiretti – per recuperare l’utilizzo di ingredienti, tipologie di prodotti e tecniche di lavorazione tradizionali, altrimenti a rischio di estinzione. Una opportunità anche per rilanciare i consumi di un alimento base della dieta mediterranea i cui acquisti familiari nel primo semestre del 2010 sono calati del 2,4%, secondo un’ analisi della Coldiretti sulla base dei dati Ismea – Ac Nielsen.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.