Agricoltori – panettieri: i panificatori faranno ricorso

La Fippa (Federazione italiana panificatori) fara’ ricorso al Tar del Lazio e all’Unione Europea contro il cosiddetto ‘decreto sull’agricoltore panettiere’ (decreto del 5 agosto 2010 pubblicato in Gazzetta Ufficiale 212 del 10 settembre 2010). Secondo la Fippa sarebbe in contrasto con la disciplina comunitaria, la Costituzione, la normativa statale di settore e la ratio fondante delle liberalizzazioni del 2006. Tra i capisaldi del ricorso, l’incompatibilita’ del decreto con il principio di libera concorrenza tra produttori dello stesso bene ma anche il contrasto con la disciplina Ue, che definisce prodotti agricoli i beni di prima trasformazione come la farina, mentre fare il pane è un’attività di seconda trasformazione. Per Luca Vecchiato, presidente della Fippa: ”Il decreto del 5 agosto crea di fatto una distorsione del mercato ai danni dei panificatori italiani. Grazie a un ‘decreto balneare’, oggi ci ritroviamo a competere contro una categoria – quella degli agricoltori – la cui pressione e’ di oltre il triplo inferiore alla nostra, con un regime forfetario che si ferma al 15% mentre per i panificatori artigiani arriva fino al 52%. Tutto il contrario di quanto si voleva ottenere con le liberalizzazioni del decreto Bersani”. Le liberalizzazioni, sottolinea Vecchiato, ”ci hanno colpito pesantemente, ma le abbiamo accolto a fronte di un regolamento che distinguesse in etichetta il ‘pane fresco artigianale’ da quello conservato”’. Dopo 4 anni, lamentano dalla Fippa, il regolamento attuativo non e’ stato ancora emanato e la risposta e’ questo decreto beffa che non accetteremo. ”Vogliamo solo equita’ e pari condizioni – ha concluso Vecchiato – e non ci fermeremo finche’ il governo non garantira’ quanto stabilito dalla legge”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.