Agricoltura: Cia, produzione piatta, pesano i costi


Dopo aver chiuso il 2010 con una produzione in calo del 2 per cento, le stime relative al primo trimestre del nuovo anno non fanno ben sperare perche’ l’andamento del settore resta piatto. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in occasione della diffusione dei dati Istat sulla produzione industriale a gennaio. In particolare – spiega la Cia – tra gennaio e marzo, le aziende impegnate nelle coltivazioni erbacee (ortaggi, cereali, legumi e colture industriali) non prevedono sostanziali variazioni delle rese produttive rispetto agli ultimi tre mesi del 2010, fermandosi a un misero meno 0,07 per cento. Stessa situazione per gli allevatori: l’indice sintetico relativo alle consegne per la macellazione dovrebbe rimanere pressappoco invariato a meno 0,07 per cento. Solo la produzione di latte e’ attesa in aumento, anche se soltanto dello 0,16 per cento. Questo vuol dire – osserva la Cia – che l’agricoltura non cresce, resta immobile, zavorrata per un verso dai costi produttivi in continuo aumento e per l’altro da prezzi non ancora remunerativi per gli agricoltori. Una situazione resa evidente anche dai dati pubblicati dall’Istat sulle intenzioni di semina 2010-2011: quest’anno c’e’ un netto aumento (pari al piu’ 19,1 per cento) dei terreni lasciati a riposo. Ora e’ tempo – conclude l’organizzazione agricola – di dire basta alla politica degli annunci e di pensare invece ad aiuti concreti al settore primario. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.