Agricoltura: Confagri, beffato chi aderì a misure anni ’90


”Al momento della sottoscrizione degli impegni agroambientali le aziende non furono in alcun modo informate che alla loro scadenza non avrebbero potuto eliminare quanto realizzato”. Cosi’ Confagricoltura Emilia-Romagna protesta ”un’atroce beffa”, che colpisce le aziende agricole che aderirono agli inizi degli anni Novanta ”alle misure agroambientali del Piano regionale di Sviluppo rurale percependo un contributo dell’Unione europea”. Perche’, spiega in una nota, il contributo era limitato ”al periodo di durata” della misura agroambientale, ma non cosi’ il vincolo apposto sui terreni, che ora si pretende permanente. Si diede infatti vita a ‘contratti’ con la Regione: o si aderiva al ‘set aside’ (ritiro ventennale del terreno dalla produzione agricola) o si dovevano ”realizzare laghetti, boschetti, siepi”, finanziati, ma su terreni che, ”dal 2000 ad oggi, sono stati spesso inseriti dalle Province, senza l’adeguata consultazione degli agricoltori interessati, tra i siti di Natura 2000 e assoggettati a specifici vincoli di conservazione”. Gli agricoltori non lo sapevano, obietta Confagricoltura, ma ora si dice loro che non possono eliminare quei laghetti o boschetti anche se e’ scaduto il periodo finanziato dalla Ue: ”Saranno infatti costretti a mantenere quanto realizzato in base all’impegno scaduto, continuando a proprie spese a farvi la manutenzione e vedranno fortemente ridotto il valore fondiario”. Confagricoltura stigmatizza la situazione e chiede al presidente della Regione e all’assessorato all’agricoltura di agire per ”riportare la proprieta’ del terreno in capo alle aziende”, dando ”soluzione a questa ormai insostenibile situazione che interessa molte aree agricole”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.