Agricoltura: da Ue via libera a misure ‘ponte’ per garantire aiuti 2014

campi coltivati
I rappresentanti dei 28 Stati membri dell’Ue hanno avallato l’accordo politico raggiunto dai negoziatori del Parlamento e del Consiglio Ue, per attuare le misure transitorie che permetteranno di traghettare l’agricoltura europea nel 2014, fino all’applicazione piena della riforma della Pac, il primo gennaio 2015. La norma di transizione permette di garantire la continuità dei pagamenti che l’Ue versa agli agricoltori che rispettano gli standard europei di qualità, tutela dell’ambiente, del territorio e benessere degli animali. Inoltre – precisano le istituzioni Ue – introduce una certa flessibilità “nel caso si dovesse intervenire il prossimo anno con tagli lineari nel settore per rispettare i tetti nazionali di finanziamento 2014. In quel caso, gli Stati membri avrebbero la possibilità di esentare una parte degli agricoltori applicando una franchigia, prima del taglio, fino ad un massimo di 5mila euro”. Il regolamento ‘ponte’ anticipa anche – dal primo gennaio 2014 – alcuni elementi del pacchetto di riforma della Pac. In particolare, la possibilità per i Partner Ue di trasferire fondi dalla produzione agricola verso lo sviluppo rurale e viceversa. Ma anche ridistribuire verso i piccoli produttori la parte dei pagamenti Ue che verranno ridotti ai maggiori beneficiari. Si anticipa anche l’impegno previsto per i giovani agricoltori Garantita infine, la continuità nella programmazione dei progetti di sviluppo rurale.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.