Agricoltura, in ER un nuovo servizio per la stima preventiva dei fabbisogni irrigui

irrigazione4Un innovativo servizio di supporto alle imprese agricole e ai consorzi di bonifica per la stima preventiva dei fabbisogni irrigui trimestrali delle colture agrarie regionali e dell’effettiva disponibilità dell’acqua da destinare all’irrigazione nel periodo estivo.
E’ il progetto I-Colt, cofinanziato da Regione e Arpa, per consentire alle imprese agricole, ai Consorzi di bonifica e a tutti i soggetti coinvolti di pianificare l’uso delle risorse idriche in modo razionale e senza sprechi. “Questo strumento rappresenta una novità assoluta – sottolinea l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni – e consentedi individuare preventivamente e tempestivamente gli interventi più opportuni per minimizzare eventuali criticità stagionali, favorendo anche l’uso responsabile, controllato e razionale della risorsa acqua”.
In base ai dati raccolti quest’anno, le previsioni stagionali probabilistiche relative al trimestre giugno-agosto 2014 indicano che l’estate avrà temperature medie stagionali normali o inferiori alla norma e precipitazioni nella media climatica. Questo consentirà di avere, tra giugno e agosto, anche un fabbisogno di acqua per l’agricoltura nella media (pari a circa 607 milioni di m3).

Il progetto I-Colt
Il progetto I-Colt (Classificazione delle colture in atto tramite telerilevamento), cofinanziato da Arpa e assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, è uno strumento di individuazione e quantificazione delle colture e di valutazione dei consumi idrici attesi, utilizzando modelli di simulazione e un’attività di telerilevamento.
Attraverso un software sviluppato dal Servizio Idro-Meteo-Clima di Arpa Emilia-Romagna, vengono analizzati i dati dei Piani colturali regionali (sulla base delle macro-classi: colture estive potenzialmente irrigue, colture autunno-vernine non irrigue e foraggere), l’acqua presente nei terreni e le previsioni del tempo. L’analisi riguarda tutte le zone agricole di pianura dell’Emilia-Romagna e quest’anno ha interessato un’area di oltre 802 mila ettari.
Obiettivo del progetto è la valutazione e definizione di un protocollo operativo regionale che monitori l’uso del suolo agricolo su scala annuale sia a fini statistici georiferiti che di gestione dell’acqua destinata all’irrigazione. Per questo ultimo aspetto il risultato della classificazione viene fornito entro fine giugno in modo da poter controllare l’evoluzione dei consumi idrici durante la stagione estiva a maggior richiesta di acqua.
Le previsioni probabilistiche mediane di irrigazione, espresse in milioni di m3 , per i singoli consorzi sono le seguneti: Consorzio di Bonifica di Piacenza 91, Consorzio della Bonifica Parmense 54, Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale 50, Consorzio della Bonifica Burana 39, Consorzio della Bonifica Renana 93, Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale 68, Consorzio di Bonifica della Romagna 56, Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara 157. Per un totale comolessivo di 607 milioni di m3

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.