Agricoltura in ripresa in ER:  torna a crescere la plv, accelera l’export, in ripresa l’occupazione

fagioliniTorna a crescere il valore  produzione agricola regionale ( +2%), che nel 2015 ha toccato i 4,2 miliardi di euro,  mentre  l’export  agroalimentare mette a segno addirittura un + 6,2%  arrivando a quota 5,7 miliardi; bene l’occupazione in campagna che  aumenta per il secondo anno consecutivo (+1,5% per 66.110 occupati, +3,6% l’occupazione dipendente, circa 30% del totale le imprenditrici agricole).  Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto agroalimentare dell’Emilia-Romagna, promosso da Regione e Unioncamere, presentato oggi a Bologna.

“Siamo  di fronte a un’annata positiva, con dati  interessanti, in particolare quello   sull’export, che vanno nella direzione giusta, quella di un’agricoltura che punta sulla qualità, l’innovazione, l’internazionalizzazione – ha commentato l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli – come Regione stiamo lavorando per sostenere, anche attraverso il Psr, le Ocm e i progetti con Governo e Ue, questo processo. Aggregazione, gioco di squadra,  integrazione  sono fondamentali non solo per competere sui mercati, ma anche per  investire in ricerca e  fare efficaci programmi di promozione”. “Resta il problema della redditività, legata anche all’estrema volatilità dei prezzi sui mercati mondiali – ha sottolineato Caselli –  ma anche qui la strada da percorrere è ancora una volta quella della  integrazione, della qualità e dei prodotti a maggior valore aggiunto”.

“L’Emilia-Romagna è al quinto posto tra le prime 10 regioni europee – ha detto Andrea Zanlari, consigliere di Unioncamere Emilia-Romagna referente per il settore agroalimentare – Sempre più accentuata è la proiezione ai mercati esteri. L’export regionale ha registrato un aumento significativo trainato soprattutto dai mercati extra Ue. L’approccio integrato di promozione e valorizzazione del comparto agro-alimentare emiliano-romagnolo di qualità unito al contesto turistico, continuerà a essere la carta vincente per l’internazionalizzazione delle imprese”.

L’export extra Ue vale 4 miliardi. Tra i mercati  “top”:  Usa (+28,5%) e Cina (+34.4%)

Continua dunque il trend positivo dell’export agroalimentare emiliano-romagnolo. Nel dettaglio  le esportazioni agricole  sono cresciute del 4,9%, quelle dei prodotti dell’industria alimentare del 6,4%. In miglioramento anche il saldo della  bilancia commerciale grazie a una diminuzione delle importazioni. I prodotti made in Emilia-Romagna, come ha  spiegato Gabriele Canali (università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza) vanno soprattutto fuori dall’Europa: 4 miliardi su 5,7 vengono infatti fatturati sui mercati extra Ue,  con un aumento nel 2015 del 14% e punte del + 28,5% negli Usa, + 34,4% in Cina e + 109% in Vietnam (ma non va dimenticato anche un +9,4% in Gran Bretagna). Risultati importanti che confermano la forza  di un sistema agroalimentare  che vale complessivamente 25 miliardi e che  da solo  fa  il 17,2% del totale nazionale dell’export di frutta, il 25% di quello di pomodoro, il 46%  e il 31%  rispettivamente di salumi e  formaggi.

Export dunque sempre più come  fondamentale leva  di sviluppo anche a fronte di una sostanziale stabilità dei consumi interni. Il tema è stato al centro della tavola rotonda  “Le imprese di successo sui mercati a maggiore valore aggiunto” che  ha visto  confrontarsi  i rappresentanti di alcuni grandi gruppi dell’agroalimentare emiliano-romagnolo per le principali filiere: Gianpiero Calzolari (Granarolo), Davide Vernocchi (Apo Conerpo), Renzo Piraccini (Almaverde Bio); Ruenza Santandrea (settore vino Alleanza cooperative agroalimentari), Federico Galloni ( Galloni spa), Cesare Ronchi ( Gruppo Barilla).

Emilia-Romagna prima per diversificazione

Con un valore di 1,3 miliardi di euro, l’Emilia-Romagna è la prima regione in Italia per peso delle  cosiddette attività secondarie e  di supporto che permettono di diversificare e integrare  il reddito agricolo: dal contoterzismo, agli agriturismi; dalla produzione di energia, alla prima lavorazione. E’ una delle novità emerse dal rapporto 2015, illustrato da Roberto Fanfani (Università di Bologna).

L’annata agraria 2015 è stata pesantemente condizionata dall’andamento meteo: forti piogge primaverili e un’estate siccitosa con temperature torride a partire da luglio, hanno avuto ripercussioni su semine e produzioni vegetali. Tra i perduranti fattori di criticità l’instabilità e volatilità dei prezzi sui mercati mondiali, con  effetti diretti sul reddito degli agricoltori. A incidere sull’andamento 2015 anche le conseguenze dell’embargo russo e la concorrenza di alcuni Paesi europei, come la Spagna, per quanto riguarda il sovrapporsi delle produzioni stagionali.

L’andamento dei prezzi è stato negativo in particolare per cereali (eccezione fatta per il mais), mentre hanno recuperato rispetto al 2014 le quotazioni della maggior parte delle produzioni frutticole e orticole. In calo i prezzi di barbabietola e foraggi. Stabili quelli di carni bovine e latte. In discesa uova e carni suine.

In ripresa patate, ortaggi e pomodoro da industria, in forte espansione il grano duro. Plv in crescita per pere, pesche e nettarine

Entrando nel dettaglio dei principali settori produttivi, l’andamento delle produzioni vegetali ha raggiunto una Plv di quasi 2,3 miliardi di euro, determinando un aumento del valore del 5,6%. In particolare si è verificato un forte recupero, sulla campagna precedente, di patate e ortaggi, con quasi 470 milioni di euro nel 2015 (+23% ) e delle produzioni arboree (oltre 1 miliardo di euro, +10%).
Le produzioni zootecniche invece sono rimaste sotto 1,9 miliardi, con una riduzione del 2,2%, anche se molto più contenuta di quella dell’anno precedente.
I cereali hanno visto una riduzione complessiva della Plv dell’1,8%, con -4,3% per il grano tenero e -13% per il mais, dovuta quest’ultima soprattutto alle scarse quantità prodotte (-20%).
Al contrario la forte espansione della produzione del grano duro (+63%) nel 2015 ha fatto aumentare di più di un terzo (+36%) il suo valore a livello regionale, nonostante il calo dei prezzi di oltre il 16%. Nel comparto delle patate e ortaggi il consistente incremento ha riguardato in particolare sia le patate (56%), dove il forte aumento del prezzo ha più che compensato la riduzione della produzione, ma anche i pomodori da industria (+12,5%), grazie sia al buon andamento dei raccolti, che ai prezzi. Continua invece il ridimensionamento della barbabietola (-41%), dovuta alla cattiva annata produttiva e alla riduzione dei prezzi.
I buoni risultati della Plv delle arboree sono collegati soprattutto al forte aumento dei prezzi per mele e pere (+22% +37%), ma anche per il comparto delle pesche e nettarine, con un aumento del valore rispetto all’anno precedente del 15%, mentre in controtendenza rimane l’actinidia (-30%), proprio per il calo dei prezzi. Nella zootecnia si registra nel 2015 un’ ulteriore riduzione del valore della produzione (-2,2 % come abbiamo visto), anche se molto inferiore a quella dell’anno precedente. Prosegue l’andamento negativo per le carni suine (-7%) a causa della riduzione dei prezzi, a cui si aggiungono i cattivi risultati delle uova (-7,8%), in particolare per i bassi prezzi, mentre si riduce la produzione del latte (-1%), compensata però dalla tenuta dei prezzi (+1,4%).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.