Agricoltura, oltre il 9% della forza lavoro è straniera

Via libera alle domande per l’assunzione di 60mila lavoratori stagionali extracomunitari previsti dal decreto flussi 2011 che troveranno occupazione per il 53% al nord, per il 21% nel centro Italia e per il 26% nel sud e isole in base alla ripartizione delle quote. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che si e’ svolto regolarmente il ‘click day’ nel giorno successivo alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di programmazione transitoria delle quote massime di ingresso di lavoratori non comunitari per l’anno 2011. Sono state ripartite tra le regioni – sottolinea la Coldiretti – 48mila autorizzazioni sulle 60mila previste dal decreto lasciando le restanti 12mila nella disponibilita’ della Direzione Generale come riserva nazionale per essere successivamente assegnate su richiesta degli uffici. L’avvio della procedura informatica e’ importante – sottolinea la Coldiretti – per ridurre i tempi di attesa e consentire l’avvio delle procedure di assunzione da parte delle imprese agricole, anche in vista dei lavori primaverili di preparazione dei terreni nelle campagne. La maggioranza dei lavoratori stagionali extracomunitari – sottolinea la Coldiretti – trovera’ infatti occupazione in agricoltura che, insieme al turismo, e’ il settore con maggiori opportunita’ occupazionali. La presenza dei lavoratori stranieri impegnati nelle campagne italiane e’ salita a quota 106.058, in aumento del 2,03 per cento, ed oggi la forza lavoro estera rappresenta quasi il 9,15 per cento del totale impiegato in agricoltura.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.