Agricoltura senza ogm: studio Usa, produzione -18% prezzi alimenti +2%

mais 3
Rese inferiori fino al 18%, maggiore inquinamento nell’aria e prezzi più alti anche del 28% per le materie prime, dal mais, alla soia, al cotone. Sarebbero queste le conseguenze di un’agricoltura senza Ogm, secondo uno studio della Purdue University di Lafayette (Usa), assolutamente imparziale, come hanno voluto sottolineare i ricercatori, per sapere cosa succederebbe nell’economia e nell’ambiente degli Stati Uniti se venisse vietato l’utilizzo di sostanze Ogm. Un mancato impiego del transgenico nei campi che si ripercuoterebbe, secondo lo studio, sui listini dei prodotti alimentari in generale che aumenterebbe dall’1% al 2%. Eppure per la prima volta in 20 anni nel 2015 l’area totale coltivata nel mondo con piante Ogm è diminuita dell’1%. Un calo, spiega il rapporto annuale dell’International Service for the Acquisition of Agri-Biotech Application, dovuto soprattutto ai prezzi bassi delle derrate alimentari e alla siccità particolarmente devastante nel Sud Africa. Secondo il rapporto lo scorso anno sono stati seminati 179,7 milioni di ettari di terreno con semi biotech, mentre nel 2014 erano stati 181,5 milioni.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.