Agricoltura Ue: Parlamento respinge taglio dei pagamenti diretti

campi coltivati
Il Parlamento europeo respinge la proposta della Commissione di tagliare di quasi il 5% i pagamenti diretti del 2013 agli agricoltori (ma a carico del bilancio agricolo 2014), causa il rigore imposto dai capi di stato e di governo dell’Ue nelle prospettive finanziarie per i prossimi sette anni. L’Assemblea ha infatti votato a grande maggioranza, oggi a Strasburgo, in favore del rinvio della decisione “fino a quando non saranno finalizzati con successo i negoziati europei sul bilancio 2014-2020. In caso di fallimento delle trattative i tagli – ha affermato – non saranno necessari”. La risoluzione, che ha ottenuto 506 voti a favore, 147 contrari e 28 astensioni, sostiene anche che eventuali riduzioni non dovranno essere applicate agli agricoltori che ricevono dall’Ue contributi diretti inferiori a 5mila euro l’anno: di fatto il 90% degli italiani. Tuttavia, nella ricerca di un compromesso, e in attesa di un accordo finale sul bilancio 2014-2020, gli eurodeputati propongono di prendere come riferimento per il calcolo dei contributi ai produttori il quadro finanziario proposto dalla Commissione europea nel 2012. In quel caso i tagli ai pagamenti dovrebbero essere limitati allo 0,74% contro il 4,9% attuale. Solo dopo aver raggiunto l’accordo sui fondi 2014-2020, la Commissione potrebbe presentare proposta di adeguamento del calcolo. I ‘pagamenti diretti’ che l’Ue versa agli agricoltori che producono a determinate condizioni, rappresentano in media una percentuale sensibile del loro reddito.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.