Agricoltura unita sulla riforma della Pac; Galan, fare di più

Dopo mesi di colloqui, la filiera agricola trova una posizione comune sulle richieste da far valere in sede Ue attraverso le istituzioni nel dibattito sulla riforma della politica agricola comune. Un fatto storico, come rimarcano gli stessi presidenti delle organizzazioni agricole firmatari del documento assieme ai sindacati e al mondo cooperativo. Manca per ora l’adesione dell’industria alimentare, in quanto, come osserva il presidente di Federalimentare, Filippo Ferrua, manca l’intesa su un’unico punto critico, ”l’inaccettabile disparita’ di condizioni competitive e concorrenziali fra societa’ cooperative e societa’ di capitali”. L’apprezzamento per il documento giunge dallo stesso ministro delle politiche agricole Giancarlo Galan a cui il testo viene consegnato in occasione del forum organizzato dal ministero sul futuro della Pac in cui lo stesso Mipaaf presenta un documento di sintesi sul tema. ”Non si puo’ non essere d’accordo – osserva il ministro – sui punti chiave del documento sottoscritto dal mondo agricolo sulla Pac: mantenere il budget, e far valere come distribuzione del budget criteri che privilegino la qualita’ e non la quantita’ ”. Ma per il ministro bisogna spingere il discorso ”un pochino piu’ oltre, cogliendo le opportunita’ offerte dalla riforma Pac per raggiungere una maggiore semplificazione della distribuzione delle risorse e puntare a maggiore aggregazione tra le imprese per favorire la competitivita”’ La Pac del futuro, secondo il ministro, dovrà avere ”Meno burocrazia, meno dirigismo, meno assistenzialismo: sono queste le parole chiave più importanti. 761.000 persone ricevono meno di 1.000 euro. 196.000 ricevono meno di 200 euro. Tutto ciò fa il bene del comparto? Non so quanti politici ed amministratori si sentiranno di togliere questo contributo, ci vorrà coraggio ed io ce l’ho”. Secondo il presidente della Cia, Giuseppe Politi, il documento ”servira’ a dare forza al governo italiano nella trattativa che dovrà sostenere a livello europeo”.”Ora occorre proseguire su questa strada, intensificando i momenti di confronto e curando i dettagli del percorso negoziale”- osserva il presidente di Confagri Federico Vecchioni, mentre il presidente di Coldiretti Sergio Marini invita l’industria alimentare a unirsi al gruppo ”prendendo atto che il protagonismo agricolo e’ essenziale ed anche utile alla stessa industria”. Per il presidente di Copagri Franco Verrascina ”il documento unitario della filiera rispecchia nel merito e nel metodo l’importanza che diamo alla riforma della Pac”. Una nota di dissenso viene dall’assessore all’agricoltura della Sardegna, Andrea Prato, che osserva come si chieda di nuovo all’Ue ”di premiare le regioni dalle coltivazioni intensive e non quelle svantaggiate che operano oltretutto a difesa del territorio e dell’ambiente”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.