Agrinsieme; bene L.Stabilità, deludente ritocco ‘de minimis’

agricoltura generica3”Prime importanti risposte alle sollecitazioni del mondo agricolo, anche se resta ancora molto da fare per la ripresa e la competitività delle imprese. Ma è sicuramente un buon viatico. Dopo molte parole e impegni assunti, grazie ad un’attenta e costante azione sindacale, è stata stabilizzata la fiscalità sui beni produttivi in agricoltura. Così Agrinsieme, il coordinamento tra Cia, Confagricoltura e Alleanza delle cooperative italiane del settore agroalimentare, commenta la legge di stabilità approvata dalla Camera. ”Finalmente – afferma Agrinsieme – si è compreso che i fabbricati strumentali sono già ricompresi nel valore dei terreni agricoli e, di conseguenza, è stata decisa l’esclusione dall’Imu, principio confermato anche nella misura che limita all’1 per mille l’aliquota Tasi. Significativo anche l’abbassamento del moltiplicatore (da 110 a 75) per i terreni agricoli, anche se non condividiamo i criteri utilizzati, che limitano la riduzione soltanto ad una categoria di agricoltori. C’è da rilevare, inoltre, che la copertura del mancato introito da parte dello Stato viene effettuata, in parte, con la diminuzione del contingente di gasolio agricolo e questo avrà riflessi sui costi produttivi, già alquanto elevati”.
Di tutt’altro tenore il commento sulla revisione della regola comunitaria del ‘de minimis’ per gli aiuti di Stato in campo agricolo che Agrinsieme definisce “deludente e del tutto insufficiente”.
“Siamo delusi” spiega il coordinamento agricolo, che ricorda come la regola del de minimis si applichi anche all’apprendistato, ai bandi Inail per la sicurezza e ad altre disposizioni agevolative. Di fatto dunque, nonostante il raddoppio dell’importo, “restano difficilmente applicabili gli sgravi e gli altri benefici ai datori del lavoro agricolo in Italia”. Anche per questo, “ma più in generale per allineare la soglia massima di incentivo alle esigenze delle imprese, avevamo chiesto al premier Letta ed al Governo, a più riprese, di fissare una soglia triennale di almeno 50 mila euro”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.