Agriturismo 2012: bene Pasqua e fine anno, male tutto il resto

L’agriturismo, nel 2012, ha “camminato” col passo della crisi: arrivi scesi sotto i tre milioni (-11,5% sul 2011), presenze a 12,2 milioni (-12% sul 2011), redditi aziendali tagliati del 15%.
agriturismo autunno2Questa è la “brutta” fotografia del settore scattata da Agriturist (Confagricoltura), elaborando dati dell’Osservatorio Nazionale del Turismo e dell’ISTAT, al termine di un anno difficile per tutto il turismo italiano, caratterizzato da un lieve recupero dei turisti stranieri, e da una pesante riduzione della domanda interna. A Pasqua e fine anno l’agriturismo ha retto, registrando addirittura qualche miglioramento a confronto col 2011; ma nei fine settimana, e soprattutto in estate, ha sofferto il crollo degli ospiti italiani.
La durata dei soggiorni – prosegue la nota di Agriturist – si è ulteriormente abbreviata, la ristorazione è “caduta” del 20%, la vendita diretta dei prodotti connessa con l’ospitalità è diminuita del 10%. Prezzi invariati, diminuzione degli ospiti, aumento delle aziende del settore e inflazione intorno al 2,5%, hanno causato la compressione dei redditi dell’attività agrituristica.
“Le prossime elezioni – dichiara Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist – saranno cruciali per la ripresa del turismo: ai programmi dei partiti chiediamo impegni precisi. La responsabilità del settore va affidata a persone di provata esperienza, nel quadro di un ripristinato Ministero del Turismo e di un coordinamento forte fra Stato e Regioni. L’Italia ha le carte in regola per recuperare il 20% di domanda turistica internazionale perduto negli ultimi dieci anni, ma non sono più consentite improvvisazioni, incarichi clientelari e rivendicazioni localistiche. L’agricoltura, ben oltre l’agriturismo, può dare un contributo importante alla conservazione dei paesaggi e alla qualità dell’offerta enogastronomica”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.