Agriturismo in crescita, in 10 anni +57%. Domenica Giornata nazionale

agriturismo rusticoIn Italia le aziende agrituristiche sono in costante crescita. Oggi sono 20.474, soltanto nel 2003 erano 13 mila, ciò vuol dire che in dieci anni sono aumentate del 57 per cento. Il fatturato annuo complessivo degli agriturismi italiani supera 1 miliardo di euro, ma la redditività media netta di un’azienda agrituristica si ferma tra i 28 mila e i 30 mila euro l’anno. I dati arrivano da Turismo Verde, l’associazione nazionale agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori che domenica 23 marzo inaugura la stagione con l’ottava edizione della “Giornata nazionale dell’agriturismo” che prevede aperture ed eventi speciali nelle strutture ricettive aderenti all’iniziativa. Verranno proposti sconti, itinerari culturali, degustazioni guidate e presentazioni di servizi innovativi in azienda. In particolare, questa edizione sarà dedicata alle iniziative di successo adottate da molti operatori agrituristici per contrastare la crisi economica. In Italia, tuttavia, la morsa della burocrazia non risparmia neppure il settore dell’agriturismo che, per adempiere alle richieste della Pubblica amministrazione, ha bisogno di ben 100 giorni. I dati evidenziano che l’attività agrituristica è relativamente più concentrata nel Nord del Paese, dove si rilevano il 46,7 per cento delle aziende; seguono il Centro (34,6 per cento) e il Meridione (18,7 per cento). A livello regionale -osserva Turismo Verde Cia- la Toscana e il Trentino Alto Adige, rispettivamente con 4.185 aziende e 3.391 aziende, si confermano i territori in cui l’ospitalità “agricola” risulta più radicata. Ma la presenza di agriturismi è molto forte anche in Lombardia (1.415 unità), Veneto (1.376 aziende) e Umbria (1.262 aziende), e poi in Piemonte ed Emilia Romagna (con più di 1.000 aziende a testa) e Sardegna, Lazio, Marche (con oltre 800 aziende). Più di un agriturismo su tre è a conduzione femminile: sono 7.262 le aziende agrituristiche gestite da donne, in crescita sia al Nord (+3 per cento) che nel Centro Italia (+2 per cento). In Toscana, dove c’è la massima concentrazione “rosa”, le imprenditrici alla guida di un agriturismo sono pari a circa un quarto (23,5 per cento) del totale nazionale. Ma la vera novità dell’agriturismo “moderno” è rappresentato dalle attività collegate all’offerta turistica tradizionale: oltre all’alloggio e alla ristorazione, per un totale di 218 mila posti letto e oltre 397 mila coperti – sono dati di Turismo Verde Cia – oggi quasi il 60 per cento delle aziende agrituristiche italiane offre altre attività legate allo sport, al gioco e al sociale. Più di 3.300 agriturismi propongono, infatti, percorsi escursionistici e 2.700 anche in mountain-bike; 3.450 offrono degustazioni di prodotti tipici locali e ricette contadine e oltre 2 mila aziende organizzano corsi di vario tipo, dalla cucina alle erbe officinali. Poi ci sono 1.800 agriturismi dove si pratica il trekking e 1.500 l’equitazione. Il “boom” maggiore nel 2013, però, è costituito dall’attività di “fattoria didattica”, con un incremento del 15 per cento e oltre 1.200 aziende “abilitate”. Un successo che parte dalla stretta collaborazione con le scuole, in primis le elementari, che scelgono di riavvicinare i bambini alla natura e alla vita di campagna, imparando a curare un orto o a mungere una mucca, a fare il pane o a cavalcare un pony, a raccogliere frutti o a dar da mangiare alle galline.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.