Agriturist: cauto ottimismo per la stagione in Emilia Romagna

Agriturist Emilia Romagna, prospetta – dopo i dati sull’affluenza nel ponte pasquale – numeri positivi anche in previsione della stagione estiva 2011. Per assicurare la presenza sul mercato di veri operatori agrituristici, sono previsti stringenti controlli da parte degli enti locali. Indubbiamente la crisi registrata negli ultimi anni dovuta al calo dei consumi generalizzato sembra abbia registrato un rallentamento- spiega il Presidente di Agriturist Lorenzo Bonazzi – questo può far ben sperare in una ripresa, seppur modesta, delle presenze negli agriturismi sia in termini di alloggi che di ristorazione. L’elemento che dovrebbe giocare a favore della ripresa, rimane la peculiarità del servizio agrituristico legato al valore aggiunto che l’azienda agricola rappresenta in termini di spazi a disposizione degli ospiti e della qualità della ristorazione, strettamente legate alle produzioni aziendali.
Per garantire tutto questo il settore sarà interessato da controlli, come prevede la legge regionale sull’agriturismo dell’aprile 2009.
A partire dal 2011 la Provincia e i Comuni possono svolgere infatti sulle aziende agrituristiche, una serie di controlli che prevedono due punti che possono diventare molto critici: il rapporto di complementarietà e la ristorazione.
Sulla ristorazione, sottolinea il Presidente Bonazzi, è necessario per l’operatore agrituristico assicurare il rispetto del valore delle materie prime aziendali nelle percentuali fissate per legge dalla regione pari per i prodotti aziendali al 35% in pianura ed il 25% in montagna e fino all’80% di prodotti a marchio e/o delle aziende agricole del territorio. A ciò si deve aggiungere la garanzia di un offerta di piatti strettamente ancorati alla tradizione e alla tipicità emiliana.
Dai primi segnali raccolti sembra che la corsa all’apertura di nuovi agriturismi abbia rallentato rispetto ai bandi precedenti. Questo sta a dimostrare una certa saturazione del mercato a vantaggio di un riequilibrio dell’offerta che deve fare della qualità dei servizi l’elemento trainante di un modello di ospitalità che il turismo tradizionale non può offrire.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.