Agromeccanici al tavolo sull’etichettatura

«La presenza degli agromeccanici al tavolo ministeriale sull’etichettatura testimonia l’apertura di una nuova epoca, in cui la concertazione tra tutte le parti sociali e le istituzioni passa dalla speciosa teoria alla pratica virtuosa». Questo il primo commento del presidente di UNIMA, Aproniano Tassinari, all’incontro sul tema dell’etichettatura di alcuni prodotti agroalimentari che stamane si è svolto presso il MiPAAF.L’incontro, presieduto dal Ministro dell’Agricoltura Saverio Romano, affiancato dal Capo di Gabinetto, Antonello Colosimo e dai tre Capi Dipartimento del Ministero, Mario Catania, Adriano Rasi Caldogno e Giuseppe Serino ha avuto come obiettivo la presentazione alle parti sociali e la comune valutazione di una bozza di Decreto Ministeriale, orientato ad aumentare la trasparenza per il consumatore e concernente l’etichettatura di vari prodotti alimentari.Un indirizzo di azione obbligatorio in considerazione del fatto che l’evoluzione della Politica Agricola Comune premi sempre più le eccellenze e la tutela del consumatore e come l’Italia, Paese europeo con il maggior numero di prodotti tipici protetti, dovrà necessariamente implementare la propria strategia comunicativa in favore non solo dei prodotti, ma anche a sostegno di quegli imprenditori che hanno scelto di investire nel mercato della qualità.
La delegazione di UNIMA presente in rappresentanza del comparto agromeccanico, ha manifestato al Ministro la propria soddisfazione per la scelta di affrontare il tema della trasparenza, nonché della tracciabilità/rintracciabilità, quale crocevia fondamentale per il futuro dell’agricoltura ed elemento fondante di future campagne comunicative che guidino la scelta dei consumatori verso un made in Italy ben identificabile. Dal canto suo, l’UNIMA ha rivendicato come gli Agromeccanici stiano facendo ampiamente la propria parte in questo progetto ideale di “filiera trasparente”, attraverso la proposta di legge per l’inquadramento delle “Imprese Agromeccaniche Professionali”, già presentata e approfondita da UNIMA alla Camera e al Senato e che consentirebbe alle imprese certificate di garantire la qualità delle proprie lavorazioni sia nei confronti degli agricoltori che dei consumatori, così come sempre più ipotizzato nelle bozze di riforma della PAC in cantiere.«Siamo lieti di riscontrare – conclude Tassinari – come i temi oggi all’ordine del giorno coincidano con quelli già identificati da UNIMA come centrali per una scommessa sul futuro che riguardi non solo la nostra categoria, ma l’agricoltura in generale».
A margine della riunione, l’incontro con il Ministro ha inoltre consentito alla delegazione UNIMA di mettere le basi di un prossimo formale approfondimento delle proprie proposte con il vertice del MIPAAF.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.