Agromeccanici leader in tecnologia

Sono 450.000 addetti e si confrontano con l’unione Europea: sono gli agromeccanici (o controterzisti) all’incontro organizzato da Veronafiere e Unima, in collaborazione con Ceettar, focus sulle imprese di meccanizzazione agricola, i servizi all’agricoltura e le nuove tecnologie per il mercato. «Gli agromeccanici rappresentano la principale fonte di innovazione tecnologica dell’agricoltura europea. Non solo: i contoterzisti sono di fatto l’unica categoria imprenditoriale in grado di garantire la competitività del settore primario sui mercati». Così risponde il presidente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo, Paolo De Castro, ai contoterzisti europei, riuniti ieri in una giornata internazionale, organizzata da Veronafiere in collaborazione con Unima (Unione nazionale delle imprese di meccanizzazione agricola, aderente a Confindustria) e Ceettar, la confederazione europea delle imprese di meccanizzazione agricola. Tema portante dell’evento internazionale, che ha visto la partecipazione di oltre 200 rappresentanti di categoria, provenienti da 15 Paesi dell’Unione europea, era «Il ruolo dell’agromeccanico nello sviluppo rurale europeo». Argomento sul quale si è soffermato a lungo ancora De Castro, al quale la federazione europea dei contoterzisti (Ceettar) ha già consegnato un documento ufficiale.
«I tempi sono ormai maturi – ha anticipato il numero uno della Commissione parlamentare dell’Agricoltura -. Dobbiamo lavorare congiuntamente per giungere ad una norma comunitaria, che uniformi lo status di tutti i contoterzisti europei, definendone il quadro giuridico».
Una necessità condivisa dai rappresentanti degli agromeccanici. Anche per evitare, come ha ricordato il presidente di Ceettar, Gérard Napias, «il fenomeno della concorrenza sleale, che rischia, in taluni casi, di portare fuori mercato i contoterzisti». Infatti, secondo Napias, «il ruolo chiave delle imprese di meccanizzazione agricola rivela la propria potenzialità solamente quando essa si esprime su un terreno di una corretta competitività aziendale e dell’offerta di adeguati servizi a prezzi concorrenziali».
I numeri a livello europeo, inoltre, tratteggiano una categoria «costantemente all’avanguardia, numericamente importante e in continua evoluzione», come evidenziato dal vicepresidente del Ceettar, Klaus Pentzlin, referente dei contoterzisti tedeschi.
«Sono oltre 84mila gli operatori agromeccanici europei – ha specificato Michael Pielke, componente della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale –, per un indotto pari a 450mila unità. Questo significa che l’Unione europea, attraverso i propri strumenti istituzionali, dovrà dedicare la giusta attenzione ad un comparto fondamentale per l’attività agricola».
Un’attenta analisi del mercato delle macchine agricole e delle possibili risposte alle esigenze del comparto agricolo ed agromeccanico è stata realizzata da Gastone Trajtenberg, neodirettore generale di John Deere Italia.
I contoterzisti europei sono sempre più proiettati verso una gestione multifunzionale dell’azienda, all’avanguardia verso nuovi approcci e strategie di mercato. «Le potenzialità degli agromeccanici sono sottoutilizzate – ha sottolineato Aproniano Tassinari, presidente di Unima -. Le nuove sfide, infatti, lasciano spazio oltre che ai servizi di lavorazione del terreno, anche al segmento delle agro-energie, della gestione dei reflui e della tutela del territorio. Negli ultimi anni la categoria ha aumentato la propria importanza in maniera esponenziale, sino a legarsi a doppio filo a quella agricola. Motivi, questi, perché l’Unione – e ancor prima l’Italia e tutti i paesi singoli della Ue – rivolgano sempre maggiore attenzione alla categoria, sostenendone il ruolo e riconoscendo loro la dignità che gli compete”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.