Agronet mette in rete i territori dell’Adriatico

albania_7_20131108_2037227752Creare una rete di supporto all’import-export nel settore agroalimentare tra i paesi coinvolti (Italia, Slovenia, Croazia, Albania e Bosnia Erzegovina), che già oggi hanno un valore degli scambi commerciali superiore a 1,3 miliardi di euro. Questo in sintesi l’obiettivo prioritario del progetto internazionale Agronet, finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera IPA – Adriatico e giunto a conclusione dopo un biennio ricco di attività. «Il progetto ha raggiunto i risultati attesi – spiega Giovanni Pausini, responsabile per Confcooperative Ravenna – ed ha individuato soluzioni appropriate alle problematiche, sia di ordine tecnico-finanziario, sia di natura commerciale-doganale, indicate direttamente dagli operatori del settore agroalimentare e agroindustriale dei territori coinvolti».
Sono state infatti le piccole e medie imprese che, sollecitate ed intervistate, hanno evidenziato le problematiche legate all’export e hanno proposto possibili soluzioni.
«Agronet – prosegue Pausini – si è concentrato su questi temi cercando di fornire risposte adeguate senza imporre, come spesso accade, soluzioni calate dall’alto. In particolare, sono stati esaminati i problemi relativi alla logistica e alle infrastrutture, allo sviluppo della ricerca e della qualificazione della produzione agroalimentare per quanto riguarda le certificazioni di processo e di prodotto, l’individuazione dei fabbisogni delle imprese sotto l’aspetto formativo degli operatori nelle aree interessate».
L’intero partenariato di Agronet ha quindi svolto un’indagine capillare, estesa a livello Adriatico, sui territori coinvolti (per l’Italia le regioni Puglia, Molise, Emilia Romagna e Veneto) cui è seguita un’analisi approfondita delle criticità legate all’interscambio dei prodotti agroalimentari in particolare per ciò che concerne la logistica, le certificazioni di produzione, le pratiche doganali ed il credito all’export.
I partner coinvolti da Agronet sono per l’Italia: Finest (lead partner), Regione Puglia, Aicai azienda speciale della CCIAA di Bari, Consorzio Sviluppo Valle del Biferno, Confcooperative Unione di Ravenna, Veneto Agricoltura ed Informest. I partner esteri sono: RdA Primorska – Slovenia (agenzia di sviluppo), RdA Dalmatia-Croazia (agenzia di sviluppo), Ministero dello Sviluppo dell’Albania e OdRaz – Bosnia Erzegovina (agenzia di sviluppo).

Il nuovo network per le aziende dell’Adriatico
Dal lavoro d’indagine e analisi è nato poi un network, dove le piccole e medie imprese del settore agroalimentare possono trovare altre imprese interessate a sviluppare accordi commerciali nelle aree progetto, informazioni dettagliate sulle procedure doganali, fiscali, logistiche relative all’export nei Paesi interessati, e canali di finanziamento all’export o alla garanzia del credito presso gli eventuali interlocutori.
La partecipazione al network è assolutamente gratuita, ed è sufficiente che l’azienda interessata visiti il sito web www.agronetadriatic.eu e formalizzi l’iscrizione indicando i propri dati e le proprie caratteristiche. Da quel momento l’azienda sarà visibile sul portale e potrà essere contattata, o contattare, altre aziende interessate ad interscambi. Contestualmente potrà trovare sul portale tutte le informazioni relative alle pratiche doganali, alle documentazioni ed alle informazioni bancarie utili per lo sviluppo del proprio export.

Agroindustriale e logistica
Un altro importante obiettivo perseguito da Agronet è stato l’approfondimento della relazione fra il settore agroindustriale e la logistica, con particolare riferimento al trasporto marittimo. «Riteniamo che l’interscambio agroalimentare in atto fra i Paesi interessati, trovandosi sulle opposte sponde del mare Adriatico, potrebbe essere maggiormente sviluppato attraverso le attività portuali – conclude il responsabile per Confcooperative. Oggi, infatti, a nostro avviso gli scambi via mare non sono purtroppo sufficientemente utilizzati per la movimentazione di prodotti agroalimentari, sia a livello transfrontaliero adriatico che verso destinazioni più lontane».

Risorse europee per la logistica
Nell’ambito di Agronet si sta infine valutando la costituzione di un Gect (Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale) che potrebbe coinvolgere parte dei territori interessati al progetto al fine di consentire alle Pubbliche amministrazioni di questi Paesi di individuare risorse comunitarie specifiche da destinare alla soluzione delle problematiche evidenziate dal progetto, in particolare per quanto riguarda gli aspetti della logistica.

Tags:

Un Commento in “Agronet mette in rete i territori dell’Adriatico”

Trackbacks

  1. Agronet mette in rete i territori dell'Adriatico | Import and Export Business Talk

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.