Agrumi: al via sciopero contro sfruttamento e inganni


Week end di sciopero degli acquisti di aranciata dalla quale parte una catena dello sfruttamento che inganna i cittadini e colpisce imprese agricole e lavoratori secondo l’Adiconsum e la Lega dei consumatori che in Calabria vogliono cosi’ spezzare un circolo vizioso attraverso un cambiamento della tradizionale bevanda in termini qualitativi e quantitativi. E’ quanto afferma la Coldiretti nel raccogliere le giuste sollecitazioni delle associazioni dei consumatori che, “per non lasciare sola Rosarno”, hanno promosso la singolare iniziativa per chiedere la presenza di piu’ arance nelle aranciate e una chiara indicazione della loro provenienza. Nelle aranciate – sottolinea la Coldiretti – puo’ essere presente per legge solo il 12 per cento di succo di arance che peraltro spesso vengono importate da paesi lontani come il Brasile anche se sono “spacciate” come Made in Italy. Con l’iniziativa si chiede piu’ valore alla sostanza rispetto alla forma e di non pagare l’acqua per aranciata al fine di dare una giusta ricompensa alle fatiche dei lavoratori agricoli ai quali le arance vengono pagate dieci centesimi al chilo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.