Alimentare: nutrizionista, frutta grande assente a ristorante

Agri 1039_20141004_Tranche 04-1
Nei ristoranti d’Italia, Paese della Dieta Mediterranea, la frutta è scomparsa, il pane viene portato perlopiù su richiesta e il carrello degli oli è una rarità. “Per il dessert gli esercenti si comportano come gli americani che propongono ‘Some cake?”, solo dolci per dessert, quando invece, soprattutto ai visitatori stranieri, dovrebbero proporre il gusto, la varietà e la freschezza della frutta made in Italy, dei tanti pani artigianali tipici della nostra cultura gastronomica da Nord a Sud, e olio extravergine di territorio”. A dirlo è il medico nutrizionista Giorgio Calabrese, presidente del Comitato Nazionale per la Sicurezza Alimentare, a margine della premiazione del 23/mio Concorso regionale per i migliori oli extravergine d’oliva “Olii del Lazio, capolavori del gusto”, promosso da Unioncamere Lazio. L’olio, sottolinea Calabrese, “è un alimento liquido, e non svolge solo funzioni di condimento. Gli anziani in particolare hanno bisogno di nutrirsi di olio ogni giorno e nella giusta quantità. Gli oli tunisini sono “fratelli” perché sempre provenienti dal Mediterraneo ma hanno meno polifenoli delle produzioni made in Italy”. “Proporre frutta fresca di territorio, invece del consueto ananas di importazione significa non solo assecondare la voglia di conoscenza delle nostre tipicità dei visitatori del Belpaese – osserva Calabrese – ma anche poter contare e offrire prodotti che garantiscono polifenoli e sostanze nutrienti più ricche in quanto freschi e di filiera produttive ad alti standard nei controlli e nella qualità”. L’appello del nutrizionista Calabrese è stato immediatamente sposato dall’assessore regionale all’Agricoltura Carlo Haussmann: “pane, olio in bottiglia con tappo anti-rabbocco, e frutta fresca non dovrebbero mai mancare nell’offerta di ristorazione. Soprattutto negli esercizi più frequentati dai turisti internazionali è importante che vengano proposti almeno tre varietà diverse di olio extravergine del territorio, da illustrare per la qualità dei paesaggi rurali che evocano a tavola – conclude Haussmann – e per il gusto e la capacità di sposare al meglio un piatto tipico e ortofrutta di stagione. Il Lazio deve produrre più olio e incentivare un consumo di territorio che aiuta la nostra economia, riqualifica il paesaggio e fa recuperare alberi abbandonati, da’ futuro a una coltura con storia millenaria”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.