Alimentare: su igp e dop patto ministero-Gdo

marchi-dop-e-igpPiù spazio ai prodotti Dop e Igp nei punti vendita della grande distribuzione organizzata. E’ quanto prevede il protocollo d’intesa siglato tra il Ministero delle Politiche Agricole e le associazioni della grande distribuzione per garantire una migliore informazione dei consumatori e favorire nei punti vendita una più facile individuazione dei prodotti. L’intesa è stata firmata in occasione degli Stati generali delle Indicazioni geografiche italiane. Il Patto, firmato dal ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, ha un unico obiettivo: il rilancio dei consumi interni. “L’accordo siglato con la Gdo – ha spiegato – darà una spinta al rilancio dei consumi dei prodotti a denominazione in uno dei mercati più importanti a livello nazionale, come quello della grande distribuzione”. Il protocollo – a cui hanno aderito associazioni come Federdistribuzione, Ancc-Coop e Ancd-Conad – servirà a garantire una migliore informazione dei consumatori e a favorire una più facile individuazione dei prodotti Dop e Igp nei punti vendita, tramite l’incremento nei supermercati degli spazi dedicati e campagne come “La settimana delle Dop-Igp”. A Expo il Mipaaf ha anche presentato i risultati della lotta alla contraffazione sul web. Dagli accordi con eBay e Alibaba, negli ultimi 12 mesi sono stati oltre 300 gli interventi, con un blocco di flussi di vendite di prodotti falsi o “italian sounding” per un valore che supera i 60 milioni di euro. In base all’intesa con i due giganti delle vendite on line, fa sapere il Ministero, i quasi 800 prodotti Dop e Igp italiani “hanno una protezione pari a quella che ricevono i grandi marchi sulla rete” come Nike, Canon e Microsoft. “L’Italia – ha concluso Martina – è il primo Paese al mondo a poter vantare un sistema di questo tipo. Anche attraverso strumenti come questo salvaguardiamo il lavoro quotidiano di oltre 300 mila nostre imprese che producono cibi e vini Dop e Igp. Un settore che alla produzione vale più di 13,5 miliardi di euro”. Su eBay sono oltre 200 i venditori già bloccati perché commerciavano finti grana padano, aceto balsamico o vino italiano, mentre sul colosso cinese Alibaba – a una settimana dall’intesa – sono già state 13 le operazioni a protezione del Parmigiano Reggiano, “con blocchi di flussi potenziali fino a 5mila tonnellate di fornitura di falso formaggio Dop, quasi la metà della produzione mensile dell’autentico Parmigiano” ha evidenziato il ministro. (Silvia Egiziano – ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.