Alimentare: Unioncamere, consumi ancora giù ma export non vola

prodotti tipici foto di mirella malagutiConsumi alimentari ancora in calo nei primi mesi del 2014, con un export decelerato rispetto allo scorso anno (-0,6% a gennaio) ma, nonostante questo agricoltura e industria guardano con più fiducia al futuro rispetto al passato. E’ lo spaccato del settore del primo trimestre tracciato nel rapporto AgrOsserva di Ismea-Unioncamere presentato oggi al ministero delle Politiche agricole, alla presenza di Federalimentare, Agrinsieme e Coldiretti. Mesi condizionati da volumi alimentari diminuiti dell’1% su base annua e da una spesa di -2,3% relativi ai primi due mesi 2014, segno delle strategie di risparmio messe in atto dalle famiglie ma anche dell’aumento delle promozioni nei punti vendita, causa di sacrifici per imprese agricole e industrie. Al momento, evidenza il rapporto, sono solo i settori del manifatturiero più ‘export oriented’ a manifestare una discreta vivacità. L’export dell’agroalimentare, infatti, si conferma ancora come unica valvola di sfogo per l’offerta nazionale, ma sta calando: da tassi a due cifre del 2010 si è passati a un aumento inferiore al 5% nel 2013 sino a registrare a gennaio una leggera flessione di -0,6% a gennaio su base annua. Tuttavia, il miglioramento della fiducia presso imprese e consumatori potrebbe offrire qualche schiarita, anche in previsione di un graduale ma progressivo recupero del Pil. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.