All’estero un italiano su 5 sceglie la cucina italiana

Un italiano su cinque (20 per cento) quando e’ all’estero in vacanza sceglie la cucina italiana, anche se il 70 per cento preferisce provare i piatti del posto.
E’ quanto emerge da un sondaggio online di www.coldiretti.it, da cui si evidenzia peraltro che solo il 6 per cento si accontenta dei prodotti globalizzati come hamburger e hot dog mentre un 4 per cento non fa differenze e mangia cio’ che capita. L’analisi evidenzia il forte attaccamento degli italiani alla propria tradizione gastronomica, che tuttavia all’estero viene spesso tradita da una diffusa “pirateria agroalimentare” che nel mondo – sottolinea la Coldiretti – utilizza impropriamente parole, colori, localita’, immagini, denominazioni e ricette che richiamano al nostro Paese per alimenti che non hanno nulla a che fare con la realta’ produttiva nazionale. Si stima che nel mondo su tre piatti presentati come italiani due contengano ingredienti che nulla hanno a che fare con la realta’ produttiva del nostro Paese. Il fatturato globale del Made in italy taroccato ammonta – sostiene la Coldiretti – a 60 miliardi di euro, pari a piu’ del doppio del valore delle esportazioni originali. I Paesi dove sono piu’ diffuse le imitazioni sono Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti dove ad esempio – denuncia la Coldiretti – appena il 2 per cento dei consumi di formaggio di tipo italiano sono soddisfatti con le importazioni di formaggi Made in Italy, mentre per il resto si tratta di imitazioni e falsificazioni ottenute sul suolo americano con latte statunitense in Wisconsin, New York e California. Ma a preoccupare sono anche le tendenze di Paesi emergenti come la Cina, dove il falso Made in Italy e’ arrivato prima di quello originale e rischia di comprometterne la crescita. Se in alcuni casi l'”inganno” e’ particolarmente evidente con l’offerta nei menu di “specialita’ italiane” come gli spaghetti alla bolognese completamente sconosciuti nella citta’ emiliana o le fettuccine Alfredo che niente hanno a che fare con quelle del noto ristorante romano, in altri e’ piu’ difficile da scovare perche’ riguarda gli ingredienti di piatti dal richiamo familiare. Le imitazioni del parmigiano reggiano e del grano padano sono con il Parmesan la punta dell’iceberg diffuso in tutto il mondo, ma c’e’ anche – sottolinea la Coldiretti – il Romano prodotto nell’Illinois con latte di mucca anziche’ di pecora, o la Fontina danese e svedese molto diverse da quella della Val d’Aosta, l’Asiago e il Gorgonzola statunitensi o il Cambozola tedesco imitazione grossolana del formaggio con la goccia. La lista e’ lunga – precisa la Coldiretti – anche per i salumi con la presenza sulle tavole del mercato globale di pancetta, coppa, prosciutto Busseto Made in California, ma anche di falsi salami Toscano, Milano e di soppressata Calabrese tutelata dall’Unione europea come prodotto a denominazione di origine”. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.