Allarme nelle vigne: quasi il 50% delle barbatelle va all’estero


E’ “delicata” la situazione delle vigne italiane. Secondo Winenews, viene esportato il 46% delle barbatelle, le piccole viti da cui ha origine la produzione del vino, mentre si piantano sempre meno viti in Regioni storiche del vino come Toscana, Piemonte e Sicilia. A livello nazionale le vendite aumentano comunque del 12% nel 2011 rispetto al 2010. Questi dati provengono dal direttore generale dei Vivai Cooperativi Rauscedo, leader nel settore con una produzione di 80 milioni di barbatelle l’anno, Eugenio Sartori, che spiega: “la situazione è obiettivamente complicata, servono sbocchi esteri molto forti. Ormai il 46% delle nostre barbatelle va oltre confine”. I vitigni più richiesti sono quelli internazionali soprattuto negli Stati Uniti, in Argentina e in Brasile, mentre i principali mercati di sbocco sono Spagna, Portogallo e Francia. In Italia, nonostante le vendite in aumento, “la situazione resta delicata – continua Sartori – Il risultato positivo è dovuto, in larga misura, a Prosecco e Moscato, perché i mercati storici di Toscana, Piemonte e Sicilia stanno decisamente rallentando, se non fermandosi del tutto”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.