Alleanza per l’Agricoltura: favorire redditività e competitività

Alcuni Stati europei hanno chiesto di ridurre le spese di bilancio per la Pac (Politica agricola comune) che entrera’ in vigore l’1 gennaio 2014 e, di fatto, di ‘subappaltare’ la produzione alimentare e no food ai Paesi extracomunitari. Niente di piu’ sbagliato – dicono i presidenti di Alleanza per l’Agricoltura che riunisce tre delle piu’ importanti associazioni di categoria (Cia, Confagricoltura e Copagri) – perche’ l’Europa ha bisogno di un’agricoltura forte e vitale, che sia in grado di garantire gli approvvigionamenti, la sicurezza alimentare, la sostenibilita’, la produzione di energia da fonti rinnovabili, e che dia occupazione. Obiettivo fondamentale e’ quello di favorire redditivita’ e competitivita’ delle imprese. Le proposte di Alleanza per l’Agricoltura sono state presentate in un convegno a Bentivoglio (Bologna). Il 22 febbraio e’ stato definito un documento congiunto, sottoscritto da tutte le associazioni di rappresentanza della filiera italiana (Confagricoltura, Cia, Copagri, Coldiretti, Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative, Legacoop-agroalimentare, Fai-Cisl, Flai-Cgil, Uila-Uil) per analizzare i possibili scenari della Pac dopo il 2013. Nel documento vengono fatte considerazioni sugli squilibri dell’agricoltura mondiale anche dal punto di vista della domanda-offerta sul mercato e si ribadiscono le priorita’: favorire lo sviluppo di un’agricoltura competitiva e sostenibile sotto il profilo economico, sociale e ambientale; innovare e migliorare le condizioni per la commercializzazione, la programmazione e la gestione dell’ offerta;rispondere alla domanda di informazione e di trasparenza dei mercati e dei prodotti, da parte dei consumatori; creare le condizioni giuridiche per la gestione da parte degli agricoltori di filiere corte e trasparenti; promuovere e qualificare l’occupazione agricola autonoma e dipendente. La Pac interessa il 47% della superficie europea e oltre 18 milioni di occupati. Il suo futuro – e’ stato sottolineato – dovra’ essere pensato per rispondere alle nuove esigenze delle diverse agricolture che caratterizzano il territorio dell’ Unione.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.