Amarone: il Consorzio vince sulle famiglie storiche

amarone
L’Amarone, vino simbolo della Valpolicella, d’ora in poi potrà essere prodotto anche su impianti sistemati in terreni freschi e pianeggianti. Lo ha stabilito l’assemblea dei soci del Consorzio della Valpolicella che ha respinto l’opposizione delle 12 famiglie storiche dell’Amarone (capaci di quasi 39 milioni di fatturato, oltre il 26% della produzione totale di questo rosso) che avevano chiesto la difesa delle aree vocate nel rispetto della qualità del prodotto. “Non ci sarà nessun ampliamento della zona di produzione dell’Amarone e degli altri vini della Valpolicella” ha precisato Christian Marchesini, presidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella, che oggi in una conferenza stampa nella sede della Provincia ha illustrato la delibera approvata dall’assemblea dei soci. Con essa è stato modificato il disciplinare che fino ad oggi non consentiva la produzione di amarone in impianti sistemati in terreni freschi e pianeggianti.
“Con questa modifica adottata ai disciplinari di produzione – ha spiegato Marchesini – il Valpolicella classico, il Ripasso, l’Amarone ed il Recioto continueranno ad essere prodotti esattamente dove vengono prodotti oggi. Senza modifica circa due terzi delle produzioni avrebbero corso il rischio di non essere più certificate”. “In sostanza – ha aggiunto – abbiamo provveduto a correggere un refuso che risaliva all’istituzione del disciplinare, nel 1968. Dopo 40 anni credo che si vada incontro alle esigenze dei produttori e alle richieste del mercato”. Marchesini ha replicato pacatamente alla polemica sollevata dalle 12 famiglie storiche dell’Amarone, che si erano opposte con durezza alla proposta di modifica, parlando di “scempio del vino della Valpolicella”. “Penso – ha concluso il presidente del Consorzio – che fosse animata dalla volontà di lanciare una discussione sulle regole, nell’ottica di continuare a sostenere il nostro vino, facendolo diventare sempre più grande nel mondo. Ricordo peraltro che il nostro Consorzio riunisce ben 2.245 aziende di 19 comuni della fascia pedemontana che vivono e lavorano su 30mila ettari, per una produzione di 60 milioni di bottiglie, pari a un controvalore di 350 milioni di euro”. Marchesini infine ha precisato che l’assemblea sei soci del Consorzio ha confermato il blocco a nuovi impianti, prolungandolo fino al 2016. E per rispondere alle richieste dei nuovi mercati è stato dato il via libera alla possibilità di produrre Valpolicella e Valpantena con il tappo a vite.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.