Anatra all’arancia regina delle ‘ricette impossibili’

indexanaLa ricetta che ‘spaventa’ più in cucina? L’anatra all’arancia, piatto cult degli anni ’70 che affonda la sua origine nel XV secolo, quando si utilizzava il succo degli agrumi per conservare la carne.

E’ quanto emerge dalla ricerca Moulinex/Doxa ‘Le ricette impossibili’. Dalla ricerca emerge anche che tra i dolci la meringa spaventa più del cheesecake, mentre nelle specialità di mare la zuppa di pesce è più ostica del risotto alla pescatora. Gli uomini di fronte alle ricette difficili si spaventano meno delle donne, sottolinea l’indagine: su 11 piatti considerati di complessa esecuzione, solo gli arancini di riso sono più difficili per gli uomini che per le donne. Per gli altri la situazione vede un’indicazione di maggiore difficoltà da parte delle donne. Lo stracotto al Barolo spaventa molto più le donne che gli uomini (64% vs 35%), stesso discorso per il vitello tonnato (21% vs 47%) e l’anatra all’arancia (53% vs 82%). Quindi, la carne in generale è il punto debole delle donne.

Dalla ricerca emerge anche che gli italiani sono un ‘popolo di cuochi’: 7 italiani su 10 dichiarano di cucinare tutte le settimane, più della metà lo fa quasi tutti i giorni. Gli appassionati di cucina hanno in genere un’alta considerazione della propria maestria: 6 su 10 si ritengono dei buoni cuochi (58%), tra questi sono i giovani tra i 25 e i 34 anni quelli che maggiormente si considerano degli abili chef. Anche i giovani tra i 15 e i 25 anni hanno un’alta considerazione delle loro performance culinarie (22%).

In generale, infine, al sud e nelle isole si ritengono dei cuochi migliori rispetto al nord e al centro (63% sud e isole contro il 50% del nord ovest). Cucinare è infine una passione che coinvolge sempre più i giovani: il 30% tra i 15 e 24 anni cucina tutti i giorni, oltre il 65% almeno una volta a settimana.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.