ANB: cresce l’interesse per il girasole. Toscana +30%

Le semine del girasole sono già iniziate o stanno iniziando e le condizioni climatiche favoriscono le fasi operative necessarie a garantire un buon avvio della coltura. Dall’attivismo di questi giorni, gli ultimi anni che avevano visto una flessione delle superfici messe a coltura in Italia, sembrano solo una lunga pausa da dimenticare. Le attese ci sono e il rinnovato interesse per questa oleaginosa potrebbe portare la superficie finale seminata a livello nazionale attorno ai 120.000 ettari. Questa la stima dello staff tecnico di ANB- Associazione Nazionale Bieticoltori, rilevata nei vari comprensori. Le tre regioni dove la coltura è storicamente più presente, Marche, Umbria e Toscana, dovrebbero incrementare le semine di una percentuale media compresa tra il 10-15%. L’incremento maggiore dovrebbe essere quello della Toscana (+30%), che nel 2010 aveva toccato un minimo storico recuperando così superfici, ma saranno le Marche a spostare l’ago della bilancia, perché l’aumento percentuale si applicherà a una superficie che rappresenta un terzo di quella Italiana. Quali sono i fattori alla base di questo incremento potenziale?
Il fenomeno ha alcune “direttrici” primarie: l’andamento climatico avverso e le ripetute piogge autunnali non hanno consentito tutte le semine programmate per i cereali a paglia e quindi molte aziende si stanno indirizzando verso il girasole; i prezzi alti liquidati nella campagna 2010 hanno restituito “linfa vitale” alla coltura (è bene ricordare, che il contratto ANB-SADA è stato tra quelli più apprezzati dalle aziende agricole); le attese per il prezzo al raccolto. Se fare delle previsioni sul futuro andamento del mercato del girasole è difficile, perché influenzato da molteplici fattori, la tendenza e le aspettative tra le imprese agricole sono per un valore prossimo ai 400,00 €/t.
Il girasole rimane, tra le colture da rinnovo, l’alternativa ideale nella collina asciutta, grazie alla buona capacità produttiva anche in assenza di irrigazione e per la semplicità della tecnica colturale, con bassi fabbisogni e anticipazioni colturali. Sul piano produttivo e tecnico si possono recuperare altri “spazi”. La genetica ha fatto passi da gigante: gli altoleici mediamente producono come le varietà convenzionali e gli IMI (ibridi tolleranti all’Imazamox) possono risolvere problemi di infestanti “impossibili” quali il girasole selvatico e lo xantium. Alcune varietà hanno come caratteristica da non sottovalutare un’ottima resistenza a diversi ceppi di peronospora. Allargando la rotazione (a volte troppo stretta per mancanza di alternative, ma ora c’è la Colza) e impiegando le cultivar giuste per le diverse esigenze e potenzialità agronomiche le rese potranno crescere in linea con le potenzialità dei diversi areali italiani.

Tags: ,

2 Commenti in “ANB: cresce l’interesse per il girasole. Toscana +30%”

  • Agriturismo Toscano scritto il 18 aprile 2011 pmlunedìMondayEurope/Rome 18:12

    Tra tutti i pregi di questo fiore c’è sicuramente la bellezza e la curiosità che suscita nei più piccoli. Personalmente, ho piantato molti girasoli in agriturismo per aiutare il lancio di agriturismi rivolti ai bambini con fattoria annessa..I bambini li amano e sono fortemente incuriositi dal loro movimento alla ricerca del sole.  

Trackbacks

  1. A Pasqua l'agriturismo soffre: ospiti –8%, ristorazione –15 … » Agriturismi Italiani

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.