Anche nel vino cresce la private label

Nell’ultimo anno i vini venduti a marca privata (private label) hanno avuto un incremento del 6%, attestandosi su di una quota pari all’8,3% in valore. A riferirlo è stato il presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative, Adriano Orsi, nel corso dell’assemblea del comparto in corso a Casarsa della Delizia. “Si tratta di un trend che abbiamo il dovere di osservare e studiare da vicino, ma che non ci vede affatto entusiasti – ha detto Orsi – poiché la marca privata toglie valore a quella dei singoli produttori, che corrono in tal modo il rischio di diventare semplici riempitori di bottiglie”. Secondo Orsi, la crescita del marchio privato “é un fenomeno che merita grande attenzione” poiché “é fin troppo evidente come nel vino a marchio privato, che nella maggior parte dei casi coincide con il marchio del distributore, la parte commerciale viene in qualche modo a espropriare quella che é la funzione classica dei produttori”.La Grande distribuzione organizzata (Gdo) si conferma uno dei canali privilegiati per le vendite in Italia di vino, con un giro di affari di 1,5 miliardi di euro, pari a circa 597 milioni di bottiglie e 568 milioni di litri venduti nell’ultimo anno. Secondo quanto reso noto da Fedagri sulla base di dati Symphony Iri Group, il prezzo medio del vino venduto nella Gdo 2,63 euro al litro, in crescita del +3,5% rispetto all’anno precedente (confronto agosto 2012/agosto 2011). (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.