Articolo 62: Cia e Copagri, servono certezze

insalata“Sull’articolo 62 attendiamo al più presto un pronunciamento chiaro da parte dei ministri dello Sviluppo economico e delle Politiche agricole che confermi, una volta per tutte, la validità della normativa”. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito alle polemiche innescate da pareri legali discordi che sono venuti dagli uffici dei due dicasteri. “Gli agricoltori hanno bisogno di certezze e di punti fermi – precisa la Cia – i ministri Corrado Passera e Mario Catania devono mettere al più presto fine ad una situazione confusa su un provvedimento indispensabile per garantire la trasparenza dei rapporti all’interno della filiera e rafforzare il potere contrattuale del mondo agricolo”. Secondo la Cia, quindi, i ministri competenti si devono attivare celermente “per far funzionare al meglio e senza più intoppi di carattere tecnico e interpretativo, una legge approvata dal Parlamento che rafforza le relazioni di filiera agroalimentare e che tutto il mondo agricolo da tempo aveva sollecitato”.
“Apprezziamo l’intervento del ministero delle Politiche agricole sull’art.62 ma serve una comunicazione univoca dei ministri Catania e Passera” afferma il presidente della Copagri, Franco Verrascina, in merito alle due distinte risposte date a Confindustria dal ministero dello Sviluppo economico, prima e da quello delle politiche agricole, poi, sull’attuale validità della norma che regola relazioni commerciali e tempi fissi di pagamenti tra le imprese. “Mettendosi nei panni dell’imprenditore agricolo di fronte a due diverse interpretazioni – aggiunge il presidente – chiunque capirebbe il legittimo dubbio su cosa sia giusto e cosa stia succedendo”. Da qui la richiesta di Verrascina ai due ministri di dare seguito ad una comunicazione congiunta che faccia definitiva chiarezza sulla vicenda nell’interesse non solo di Confindustria, ma anche dei produttori agricoli italiani. “Un atto dovuto – precisa – che ci auguriamo suggelli i passi in avanti compiuti per una maggiore equità nei rapporti interni alla filiera agricolo-alimentare-industriale”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.